Irpef, i sindacati abbandonano il tavolo con Brasini: "L'amministrazione è ostile, attacca e offende"

"Non c'è nessuna volontà di confronto e per l'assessore l'unica soluzione è l'aumento. Inoltre la sua riformulazione è peggiorativa e colpisce i più deboli"

I rapporti tesi e freddi di questi giorni fra i sindacati e l'amministrazione comunale sulla vicenda "aumento Irpef" sono arrivati al capolinea con l'abbandono dell'incontro delle parti sociali.

In una nota congiunta Primo Gatta della Cgil Rimini, Paola Taddei della Cisl Romagna e Giuseppina Morolli della Uil Rimini spiegano: "Pensavamo che l’amministrazione comunale di Rimini avesse nei confronti di Cgil, Cisl e Uil una sorta di mal sopportazione. Un 'sentimento' dovuto in primo luogo alla convinzione, molto in voga in questi tempi, della totale autosufficienza, molto prossima all’autoreferenzialità di tanti uomini e donne di governo. Ci sbagliavamo. L’amministrazione comunale di Rimini è irrimediabilmente ostile al sindacato. La prova provata, se ce ne fosse stato bisogno, l’abbiamo avuta oggi nel corso dell’incontro con l’assessore Brasini. Sul tavolo c’era la nostra contrarietà al nuovo regolamento sull’addizionale Irpef e, speravamo, le proposte alternative su cui avremmo voluto che si dipanasse la discussione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stangata Irpef: la maggioranza dà il via libera in commissione

Il sindacato si è sentito rispondere da Brasini: "Ci stiamo lavorando da tempo e questa che vi presento è l’unica soluzione". Inoltre, i sindacati aggiungono che "la nuova formulazione dell’assessore è complessivamente peggiorativa rispetto alla precedente in quanto conferma la volontà di colpire in maniera pesante i “soliti noti” (vedi innalzamento delle aliquote per le fasce intermedie).  La disponibilità al confronto da parte dell’assessore, dunque, si è dimostrata una pura formalità tant’è che, sordo alle questioni di merito, ha preferito il registro degli attacchi e delle offese personali. A quel punto, per non scadere al suo basso livello, la delegazione non ha potuto fare altro che alzarsi e andarsene. Il 21 marzo il Consiglio Comunale voterà la variazione di Bilancio, ma noi continueremo a sostenere l’iniquità del nuovo regolamento. Chiederemo, da subito, un incontro ai Sindaci Revisori del Comune per gli opportuni approfondimenti sul Bilancio. Rimane comunque il tema delle relazioni sindacali che questa vicenda ripropone".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento