Cronaca

Si stringe il cerchio intorno all'autore della violenza sulla 17enne

Nei guai potrebbero finire anche le amiche della vittima che hanno ripreso la scena coi loro cellulari per poi diffonderla tra gli altri ragazzi

Anche se ancora non è stato iscritto nel registro degli indagati, avrebbe un nome l'albanese 22enne autore della violenza sessuale avvenuta nei bagni di una discoteca di Santarcangelo. Gli inquirenti dell'Arma, che indagano su quanto avvenuto quella notte dello scorso febbraio, stanno cercando di ricostuire con esattezza la vicenda anche perchè la vittima, oltre a non ricordarsi nulla, ha sporto denuncia solo ad aprile e i riscontri medici effettuati non hanno potuto dare riscontri soddisfacenti. Ad essere ascoltate dai carabinieri sono state anche le amiche della 17enne, che avevano girato il video col telefonino per poi diffonderlo attraverso Whatsapp, le quali non hanno ripreso l'atto sessuale vero e proprio ma solo la minorenne che, in stato completamente inerme a causa dell'alcol ingerito, si trova abbandonata nella toilette della discoteca insieme al presunto violentatore.

Il locale, chiuso dallo scorso aprile pe ril mancato rinnovo dell'affitto, non è comunque nuovo a fatti di cronaca che hanno visto minorenni finire in coma etilico per il troppo alcol ingerito. Già nel novembre del 2015, infatti, durante la serata #escile di Lucia Javorcekova, la modella supersexy di Bratislava celebre per mettere in mostra il suo décolleté, un 16enne era finito in ospedale a causa dei troppi superalcolici. Vista la situazione della discoteca, alla quale si aggiunte il troppo tempo trascorso, sembra dunque improbabile che gli inquirenti possano provare la somministrazione di alcol alla 17enne che, oltretutto, non ricorda chi gliel'abbia fornito.

Si stanno anche valutando le responsabilità delle amiche della minorenne, autrici del video realizzato insinuando un cellulare al di là della porta chiusa della toilette in cui strovavano la vittima e il ragazzo albanese. Le immagini, che mostrano la 17enne seduta sul water, totalmente passiva, mentre si faceva sfilare le mutandine dal 22enne il quale, a sua volta, si apprestava chiaramente a consumare un rapporto sessuale, hanno fatto il giro del web in una sorta di catena di Sant'Antonio tra i ragazzini. I carabinieri, comunque, si sono mossi immediatamente per cercare di bloccare la diffusione del filmato e distruggerne ogni copia ma è impossibile dire se, in futuro, questo non possa saltare nuovamente fuori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si stringe il cerchio intorno all'autore della violenza sulla 17enne

RiminiToday è in caricamento