menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sarà restaurato lo storico sipario del teatro Galli

Torna alla luce dopo 17 anni lo storico sipario del Teatro Galli. Dall’esame effettuato si è constatato come lo storico sipario dipinto da Francesco Coghetti sia in uno stato di conservazione tale da consentirne il restauro

Torna alla luce dopo 17 anni lo storico sipario del Teatro Galli. Martedì mattina nei magazzini comunali di via della Gazzella, dove era stato depositato, i tecnici incaricati guidati dal consulente per il restauro della sala del teatro prof. Fabio Bevilacqua e il personale della Direzione infrastrutture del Comune di Rimini dell’Ing. Massimo Totti, hanno proceduto all’apertura della cassa lignea contenente il sipario e alla sua osservazione visiva per poter decidere tempi e modi del suo restauro.

Dall’esame effettuato si è constatato come lo storico sipario dipinto da Francesco Coghetti sia in uno stato di conservazione tale da consentirne, sotto la supervisione delle soprintendenze competenti, il restauro e la sua ricollocazione sul palcoscenico del Teatro A. Galli. Il sipario utilizzato nel teatro costruito da Poletti tra il 1843 ed il 1856 fu dipinto a Roma da Francesco Coghetti con una scena evocativa del “Passaggio del Rubicone”. Soggetto e pittore furono scelti dal Poletti stesso. L’opera riscosse un grande successo e fu subito paragonata ad un “prezioso quadro da Galleria” e considerata uno dei più bei sipari mai dipinti.

La tela delle dimensioni di 17,7 m x 11,30 ,composta di 19 tele cucite le une alle altre verticalmente, ha come soggetto Giulio Cesare al passaggio del Rubicone e fu oggetto di un restauro a cura di Enrico Panzini nel 1938. Nonostante i gravi danneggiamenti del teatro durante la guerra, col suo palcoscenico andato totalmente distrutto, il sipario, per quanto non in buone condizioni, fu recuperato tra le macerie.

Il dipinto è rimasto arrotolato per circa mezzo secolo su di un rullo ligneo nei depositi del Museo Civico di Rimini fino al 1995, anno in cui fu srotolato sotto la supervisione della Soprintendenza di allora. Poi il sipario fu riavvolto per essere nuovamente stoccato nei depositi del Museo Civico, fino ad oggi in cui è depositato presso l’autoparco in via della Gazzella all’interno di un contenitore in legno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Attualità

"Fellini Calls", successo per la tre giorni dedicata al regista premio Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento