Il temporale notturno porta nuovi liquami in mare: aperti 12 scarichi fognari

Nuovo divieto di balneazione nelle acque riminesi dopo le piogge, niente tuffi da Torre Pedrera a Miramare fino alla mattinata di giovedì

Dopo una notte intera di piogge è scattato, immancabilmente, in divieto di balneazione lungo la costa riminese a causa dell'apertura degli scarichi fognari a mare. Tra martedì e mercoledì sono stati tra i 7 e i 17 (a seconda delle zone) i millimetri di pioggia caduti sul territorio che hanno fatto scattare l'apertura di 12 sfioratoi, la maggior parte dei quali a Rimini. Secondo i dati di Arpa, le zone interessate dal divieto di balneazione da nord a sud sono Torre Pedrera (Pedrera Grande e Brancona), Viserbella (La Turchia), Viserba (La Sortie), Rivabella (Turchetta), Rimini (foce del Marecchia), Rimini (Ausa), Rivabella (Colonnella 1 e 2), Rivazzurra (Rodella), Miramare (Roncasso), Riccione (Rio Asse) e Cattolica (viale Fiume). Salvo ulteriori temporali, che porterebbero a una nuova apertura in mare delle fognature, nella mattinata di giovedì la balneazione dovrebbe essere ripristinata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento