Tentato omicidio a San Giuliano, individuato e arrestato il mandante

Manette per un 73enne già noto alle forze dell'ordine per una lunga serie di rapine alle banche e per reati legati agli stupefacenti

Attilio Da Corte Zandatina

Gli è stata notificanta in carcere, dove si trova già recluso per una vicenda di droga, una nuova ordinanza di custodia cautelare in quanto ritenuto il mandante del tentato omicidio di San Giuliano avvenuto a Rimini lo scorso 5 aprile nel quale rimase gravemente ferito il 51enne Augusto Mulargia. Con l'accusa di essere l'autore materiale degli spari, si trova già in carcere un 28enne napoletano arrestato dai carabinieri lo scorso 28 giugno. Ad essere individuato come l'architetto del regolamento di conti è stato Attilio Da Corte Zandatina, 73enne, che vanta un curriculum criminale di tutto rispetto tanto che, negli anni '80, si era meritato il soprannome di “nonno carabina”. Specializzato nelle rapine in banca ma molto “attivo” anche nel traffico illecito di droga tanto che, lo scorso 22 giugno, era finito nuovamente in manette in quanto, nonostante fosse sottoposto alla misura dell'affidamento in prova ai servizi sociali, era stato fermato dai carabinieri con 485 grammi di cocaina, 3290 euro in contanti, una banconota da 20 euro contraffatta ed un bilancino di precisione. La successiva perquisizione nella casa dell'anziano aveva permesso di scoprire altri 40 grammi della stessa sostanza stupefacente, suddivisa in nove dosi, nonché ulteriori 7mila euro in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed è proprio nell'ambito degli stupefacenti che è maturato il tentato omicidio di Mulargia in quanto, il 51enne, oltre 15 anni fa aveva contratto un debito con Zanadina di 15mila euro per comperare della cocaina. Soldi mai restituiti anche perchè, nel frattempo, la vittima aveva lasciato Rimini aprendo alcune attività all'estero. Secondo le indagini dei carabinieri, tuttavia, a premere materialmente il grilletto della pistola per esplodere, da una Smart in corsa lungo via Carlo Zavagli, i proiettili che hanno raggiunto Mulargia all'arteria femorale è stato Emanuele Karim Camaldo di 28 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento