Rimini tra le città più inquinate d'Europa, il M5S lancia l'allarme

Nel mirino dei grillini il traffico veicolare da primato negativo tutti i giorni dell'anno, un tracciato ferroviario da 100 decibel senza tutele, un'autostrada a 6 corsie a meno di 800 metri dal centro storico e fognature ridotte al minimo, che in situazioni estreme scaricano nei fiumi e nel mare

A lanciare l'allarme è il Movimento 5 Stelle che denuncia come la provincia di Rimini è nella triste graduatoria delle 30 più inquinate d'Europa da almeno 10 anni con un traffico veicolare da primato negativo tutti i giorni dell'anno, per viabilità e mobilità concentrate in meno di 4 km monte-mare; un tracciato ferroviario da 100 decibel senza tutele, che attraversa tutte le città della costa; un'autostrada a 6 corsie a meno di 800 metri dal centro storico ed in previsione altrettante corsie per la SS16; fognature ridotte al minimo, che in situazioni estreme scaricano nei fiumi e nel mare; la cementificazione della Riccione "perla verde dell'Adriatico" ha abbondantemente superato la riminizzazione, per cui il rischio dissesto idrologico è dietro l'angolo; le scuole sono in situazioni al limite, nel punto più basso o a maggior traffico della città e/o sotto il percorso dell'aeroporto. "Negli ultimi consigli comunali di Riccione e Rimini - sottolineano i grillini - si è rifiutato un ordine del giorno delle associazioni ambientaliste del territorio, per non dargli un colore politico, questo avrebbe giovato tutti noi di qualche strumento in più sulla prevenzione, poi con lo stesso colore politico si è approvato un piano che prevede una cementificazione ulteriore; I dati di ARPA sulla mutagenesi ambientale sono allarmanti, oltre 30 volte il limite di sicurezza; i nostri fiumi e mari sono stati dichiarati così inquinati al punto che non ci conviene più chiedere il riconoscimento della bandiera blu; a Riccione e Coriano si aggiunge al contributo totale anche un inceneritore; a tutto ciò contribuiamo con i cantieri del TRC che stanno rimuovendo 500 alberi tra le due stazioni Rimini-Riccione. Consapevoli che 500 alberi non faranno la differenza, siamo comunque certi di trovarci nell'ordine di 10/15.000 litri di ossigeno in meno al giorno, in una condizione già grave come quella sopra descritta".

"Ci chiediamo pertanto - conclude il M5Sse non sia il caso che l'ordine dei medici, gli enti e le associazioni a tutela del territorio, intervengano per chiedere un fine a questa continua emergenza. La nostra proposta è quella di adottare un piano strutturale ambientale di pari emergenza, che preveda una tutela del territorio e dei suoi abitanti, di ognuno di noi e dei nostri cari, affrontando tutti questi aspetti nella loro gravità e complessità. Giovedì, 15 maggio 2014 continueremo il confronto con le parti sociali più coinvolte e sensibili, sul tema del piano regionale dei rifiuti e sulle alternative che possono essere affrontate, con un accenno a questi gravi fatti che incidono nel nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento