Truffano compagnia di assicurazioni per mettere a segno una serie di "bidoni"

Due napoletani aveva pagato la copertura con degli assegni risultati rubati e "creano" una serie di finti incidenti

Sono a processo, davanti al giudice Monocratico del Tribunale di Rimini, due napoletani, di 43 e 36 anni, accusati di aver truffato una compagnia assicurativa e di aver inscenato una serie di finti incidenti per poter incassare i risarcimenti. La vicenda inizia nel novembre di alcuni anni fa quando, a Rimini, i due partenopei si presentano
nell'agenzia per stipulare le polizze ad una vettura e a uno scooterone. Dopo aver formalizzato le pratiche, i due presentano all'agente due assegni, emessi dalla filiale di Parma della Monte Paschi di Siena per un importo totale di circa 3.000 euro, e ritirano i tagliandi delle polizze. Dopo un paio di giorni, al momento dell'incasso, la compagnia di assicurazioni scopre che i due titoli, in realtà, facevano parte di un carnet risultato rubato nel parmense.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il responsabile della filiale, a questo punto, cerca di contattare l'intestatario delle polizze il quale fingendo di cadere dalle nuvole, non riesce a capacitarsi della faccenda promettendo alla vittima di recarsi nell'agenzia per risolvere il problema ma, di fatto, sparisce dalla circolazione. Nel corso del processo, che vede i due napoletani accusati di truffa e ricettazione, è emerso che con quei due tagliandi assicurativi i veicoli hanno commesso una lunga serie di incidenti, tutti nella provincia di Napoli, per poter incassare i risarcimenti dell'assicurazione. All'udienza conclusiva, fissata per il prossimo mese di dicembre, il Tribunale di Rimini deciderà sulla colpevolezza dei due imputati e sul risarcimento per l'agenzia di assicurazioni che si è costituita parte civile ed è rappresentata dall'avvocato Raffaele Moretti del Foro di Rimini 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento