Nasce una casa per accogliere le donne vittime delle violenze

La struttura, di proprietà del Comune di Rimini, diventerà il centro del progetto "Re-inventare il futuro: percorsi contro la violenza"

Il Comune di Rimini partecipa in qualità di partner al progetto “Re-inventare il futuro: percorsi contro la violenza” e mette a disposizione gratuitamente, quale contributo per la partecipazione al progetto, un proprio immobile destinato ad essere casa di semi autonomia per le donne vittime di violenza. La Giunta comunale ha infatti approvato nell’ultima seduta la delibera con cui si aderisce in qualità di partner al progetto “Re-inventare il futuro: percorsi contro la violenza” presentato dal Centro Antiviolenza “Rompi il silenzio “ associazione di volontariato contro la violenza alle donne, in qualità di capofila, a cui hanno aderito l’AUSL, l’Unione dei Comuni della Valmarecchia, la Fondazione En.A.I.P. S. Zavatta, l’associazione Arcobaleno, la Cooperativa Sociale Eucrante, l’associazione Culturale “Mare di Libri”.

Mentre il Comune di Rimini concederà l’immobile in comodato d’uso gratuito, il Centro Antiviolenza “Rompi il silenzio” assumerà integralmente l’onere economico relativo ad ogni tipo di utenza e manutenzione ordinaria del locale. Accanto a questa, il progetto presentato da Rompi il silenzio, denominato: “Re-inventare il futuro: percorsi contro la violenza”, che concorre al bando regionale per il contrasto alla violenza di genere, si concretizza attraverso differenti azioni prioritarie: dall'immediato sostegno alla rete di protezione (gli sportelli di ascolto, ospitalità in emergenza) alla formazione delle operatrici, passando per l’indispensabile attività di educazione dei giovani ad una cultura di non discriminazione e di superamento degli stereotipi.

“La rete locale a cui da tempo abbiamo lavorato - ricorda il Vicesindaco Gloria Lisi con delega alle Politiche di genere - si esprime anche nella partecipazione a questo bando che è il segno dello sforzo dell' intero territorio regionale verso un fenomeno che mette in discussione la concezione stessa del nostro vivere insieme. Dobbiamo aiutare nell' immediato le donne vittime di violenza e costruire, nel tempo, per le donne e gli uomini di domani, una nuova idea di relazioni affettive, dove non ci sia più spazio per i rapporti di forza, ma al contrario siano il rispetto e la valorizzazione delle differenze ad esserne il segno distintivo.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento