Vende droga agli agenti in borghese, incredibile 'gaffe' per un pusher nigeriano

Lo straniero si è avvicinato agli agenti in borghese, che avevano già fermato gli italiani, offrendo loro un assortimento di stupefacenti

Serata sfortunata per un senegalese 26enne che, avvicinando degli agenti della polizia di Stato in borghese i quali avevano appena arrestato due spacciatori, ha offerto loro dell'altra droga. La 'gaffe' dello straniero è avvenuta verso le 2.30 quando gli agenti, nei pressi della spiaggia libera, avevano appena fermato due milanesi, un maggiorenne e il minorenne, che si stavano scambiando dell'hashish sulla battigia. Mentre i poliziotti li stavano accompagnando sul lungomare, dall'ombra è spuntato il senegalese che si è proposto per vendere "cocco, erba, hashish". Per invogliare i possibili acquirenti, il giovane “venditore” ha quindi mostrato agli agenti una busta di cellophane di colore bianco contenente marijuana aprendola per far annusare la qualità della droga. In un silenzio imbarazzante, il nigeriano ha proseguito a decantare la sua merce offrendo, per la 'maria' un prezzo vantaggioso mentre il resto, cocaina e hashish, era meno a buon mercato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti si sono quindi messi le mani in tasca e il 26enne era già convinto di aver concluso l'affare ma, invece, si è trovato sotto il naso i tesserini della polizia di Stato. Incredulo per l'errore commesso, il nigeriano è rimasto completamente di sasso e non ha nemmeno fatto resistenza per cercare di fuggire. Portato in Questura, è stato dichiarato in arresto per detenzione di droga ai fini di spaccio. Dai successivi accertamenti è emerso che il 26enne, oltre ad essere una vecchia conoscenza delle forze dell'ordine, era sottoposto all'obbligo di firma a Modena e, nella giornata di mercoledì dopo aver firmato, era partito alla volta di Rimini per vendere lo stupefacente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento