Martedì, 23 Luglio 2024
Cronaca

Vendemmia 2016, i produttori riminesi entusiasti per la qualità eccezionale

Ferve l'attività nelle colline dell'entroterra per la raccolta delle uve, si preannunciano vini straordinari

Quella del 2015 è stata una vendemmia da incorniciare ma, quella di quest'anno, sembra surclassare tutte le migliori aspettative. Un clima perfetto, con la primavera piovosa al punto giusto e un'estate calda e senza precipitazioni consistenti, ha permesso alle uve di maturare in maniera ottimale per la gioia dei produttori che, nelle colline riminesi, sono pronti alla raccolta. Buone, quindi, le sensazioni per le case vinicole della Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini che, al più tardi alla fine della prossima settimana, inizieranno a vendemmiare anche le uve rosse. "La produzione di vino di quest'anno - ha commentato Gaetano Callà, presidente della Strada - ha delle premesse ottime. Una qualità sicuramente superiore a quella del 2015 che, già, era eccellente. Si tratta di un grande risultato per i nostri produttori che, certamente, potranno presentare vini molto importati a fare da biglietto da visita per un territorio fantastico".

"Tra una decina di giorni le uve rosse saranno pronte per essere vendemmiate - spiegano da Ca' Marcosanti di Poggio Torriana. - La maturazione è oramai ottimale e speriamo che, in questi ultimi momenti, il meteo non ci tradisca. La qualità è molto buona e, al momento, abbiamo una stima di resa di 110 quintali per ettaro".

"Abbiamo fissato la vendemmia dei rossi per lunedì 19 settembre - raccontano dalla Cretaia di San Martino in Venti. - Le uve sono veramente molto belle e, di conseguenza, ci attendiamo anche degli ottimi vini. Dai primi test effettuati in vigna, ci attendiamo anche una gradazione particolarmente alta frutto di un'estate che, dal punto di vista climatico, è stata praticamente perfetta. A livello di qualità, sicuramente avremo un prodotto migliore di quello già eccezionale del 2015".

"I bianchi sono già stati raccolti - aggiungono dal Podere dell'Angelo di Vergiano - mentre per i rossi aspettiamo ancora qualche giorno per completare la maturazione. Dal punto di vista della qualità, crediamo che quest'anno supereremo ogni aspettativa con vini che saranno molto carichi e, sicuramente, avranno bisogno di un lungo periodo in botte per affinarsi in maniera dale da essere perfetti. Il clima ci ha aiutato particolarmente: la primavera è stata piovosa al punto giusto mentre, l'estate, ha avuto escursioni termiche ideali e pioggia quanto bastava".

"Abbiamo iniziato con le uve estive - spiegano da Enio Ottaviani a San Clemente. - La gradazione al momento è in linea con le aspettative ma, quello che più ci fa piacere, è la qualità. Con un'estate come quella appena trascorsa, che in agosto ha portato sbalzi termici tra il giorno e la notte, i vini saranno molto più aromatici del previsto".

"Per scaramanzia diciamo che sta andando abbastanza bene - concludono dalla Tenuta del Monsignore di San Giovanni in Marignano. - Le uve sono sane anche se la maturazione, quest'anno, è un po' tardiva ma l'alta escursione termica dell'estate sta portando a dei vini, soprattutto i bianchi, molto più profumati. Coi rossi abbiamo iniziato adesso con il Merlot e, dai riscontri, abbiamo avuto delle gradazioni eccezionali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendemmia 2016, i produttori riminesi entusiasti per la qualità eccezionale
RiminiToday è in caricamento