Rinnovato il contratto nazionale legno arredo, revocato lo sciopero nelle aziende del settore

Nelle principali aziende del settore del nostro territorio, come Ferretti yacht e Industrie Valentini erano in programma questa settimana proteste e presidi

A seguito della firma avvenuta ieri fra FILLEA CGIL, FILCA CISL e FENEAL UIL  con Federlegno a livello nazionale, in merito all’ accordo sul rinnovo del contratto nazionale del legno industria, abbiamo revocato lo stato di agitazione e le 16 ore di sciopero in programma nel mese di ottobre e novembre. Nelle principali aziende del settore del nostro territorio, come Ferretti yacht e Industrie Valentini erano in programma questa settimana proteste e presidi. La firma è arrivata dopo una trattativa lunga e complicata, in cui vi sono stati oltre 20 incontri e a seguito dello sciopero del 28  febbraio scorso, che ha visto una grande adesione. In quella data circa 200 lavoratori di Rimini erano partiti per manifestare a Milano per il rinnovo del loro contratto. Un settore, quello del legno arredo, che rappresenta per il nostro territorio uno degli ambiti produttivi di maggiore importanza per il sistema manifatturiero e che occupa circa millecinquecento lavoratori.

In sintesi nel testo sottoscritto è stato difesa la funzione salariale del contratto prevedendo un aumento di 70 € per un livello medio. Tale importo verra’ riconosciuto per  metà a settembre mediante pagamento di arretrato e una seconda tranche che i lavoratori riceveranno a gennaio. In aggiunta saranno effettuate  a gennaio 2021 e 2022 verifiche sull’inflazione che potrebbero determinare ulteriori aumenti salariali. Abbiamo ottenuto risultati positivi sui diritti, come ad esempio l’integrazione da parte delle aziende del congedo parentale fino al 60%. Inoltre novità anche su formazione, salute e sicurezza e significativi progressi sul fronte del welfare, aumentando il contributo a carico dell’azienda nella previdenza complementare. Dalla prossima settimana inizieremo le assemblee nelle aziende della provincia di Rimini,  per permettere alle lavoratrici e lavoratori del settore di poter votare i contenuti dell’intesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento