Rinviato a giudizio l'ex Prefetto di Rimini Vittorio Saladino

Oltre al funzionario a processo anche il vice prefetto Giuseppe Puzzo e l'ex comandante della polizia Municipale di Riccione

E' stato rinviato a giudizio, con l'accusa di abuso d'ufficio, l'ex Prefetto di Rimini Vittorio Saladino. Oltre a lui, dovranno affrontare il processo, con la stessa accusa, il vice prefetto Giuseppe Puzzo e l’ex comandante della polizia Municipale di Riccione, Fabio Franchini. La vicenda risale al biennio 2010-2011 quando, secondo l'accusa, sarebbero state annullate, senza alcun motivo, 15 multe per violazioni al Codice della Strada mentre, all'ex Prefetto, è stato contestato l'annullo di un solo verbale. Saladino è anche imputato dell’indebito utilizzo di un dipendente della Prefettura, al quale, come riporta la stampa locale, veniva chiesto di sbrigare alcune incombenze personali. L'ex Prefetto, per la multa annullata a lui addebitata, si è sempre giustificato di averla presa durante un'uscita di servizio, cioè l'acquisto di un quadro da regalare in un'occasione ufficiale. Il Comune di Riccione, invece, si è costituito parte civile per il danno erariale e quello d'immagine. Il processo è stato fissato davanti al Tribunale di Rimini il prossimo 22 giugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA REPLICA - L'ex prefetto di Rimini Saladino tiene a specificare che "Dagli atti di indagine risulta chiaramente che trattasi di un'unica multa prescritta e non annullata, per la quale la Polizia Municipale di Riccione il 29.07.2011 ha richiesto l'archiviazione per il decorso di due anni circa dalla data della contravvenzione elevata il 6.8.2009, contravvenzione concernente la sosta in area soggetta a parcometro per la mancata esposizione dello scontrino di pagamento e che doveva essere inviata, unitamente al ricorso presentato, entro 60 giorni alla prefettura, non quasi dopo due anni: da qui la prescrizione. Non ho mai partecipato in alcun modo all'iter amministrativo relativo ad alcun verbale. Non emergono elementi di prova sulla persona che ha parcheggiato l'autovettura". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento