Rissa fuori dal locale, due ragazzi rimangono a terra feriti da un coltello

Le vittime, entrambe 25enni e italiane, si sono presentate al pronto soccorso di Santarcangelo con gravi ferite da arma da taglio. Trasportate poi all'Infermi, non sarebbero in pericolo di vita. Caccia serrata agli autori del ferimento

Notte agitata fuori dal Rio Grande, il noto locale di Bellaria, dove verso le 4.30 si è scatenata una feroce rissa che ha visto oltre una decina di persone darsele di santa ragione per cause ancora al vaglio degli inquirenti. Il putiferio è scoppiato probabilmente a causa degli animi surriscaldati dall'alcol ma, quando sul posto sono intervenute le pattuglie dei carabinieri, dei partecipanti alla rissa non vi era più alcuna traccia. Solo verso le 6.30, quando nell'ospedale di Santarcangelo si sono presentati due ragazzi 25enni con ferite da taglio, si è capito che i due erano stati feriti nel parcheggio del Rio Grande.

I due giovani, con diverse lesioni all'addome, hanno dichiarato ai sanitari di essere stati aggrediti fuori dal Rio Grande dopo di che sono stati presi in cura dai medici che hanno disposto il loro trasferimento all'Infermi dove sono stati ricoverati in prognosi riservata ma non in pericolo di vita. Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri di Rimini per accertare la precisa causa scatenante del dissidio e identificare sia i partecipanti che gli autori delle coltellate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento