Cronaca

Ristoratore esorta i clienti a non mostrare il Green Pass durante un controllo della Polizia: denunciato

Identificati anche i clienti del locale 11 dei quali trovati sprovvisti della documentazione che sono stati a loro volta sanzionati

La "protesta" è costata cara a un ristoratore riminese che, per non aver chiesto il Green pass ai suoi clienti istigandoli poi a non esibire la documentazione durante un controllo della polizia di Stato, è stato denunciato a piede libero, sanzionato e costretto a chiudere l'attività per 5 giorni. Tutto è nato nella giornata di mercoledì quando, all'ora di pranzo, il personale della polizia Amministrativa della Questura di Rimini si è presentato nel locale per verificare la corretta applicazione delle normative anti-covid. Alla vista delle divise il titolare ha iniziato a dare in escandescenza invitando gli avventori a non fornire le proprie generalità agli agenti nè, tantomeno, a mostrare il Green pass sostenendo che quel controllo era illegittimo. Allo stesso tempo il ristoratore, sempre più agitato, ha spiegato di essere lui stesso a non chiedere ai clienti la certificazione verde in quanto ritenuta una violazione della libertà.

Sono nati dei momenti di tensione tanto che il personale della polizia Amministrativa ha dovuto chiedere rinforzi alle Volanti e, sul posto, sono intervenute delle altre pattuglie per evitare che i toni si alzassero ulteriormente. Alla fine tutti i presenti, 22 persone in tutto, sono stati identificati dagli agenti che hanno scoperto come 11 di questi non avessero il Green pass e sono stati sanzionati. Guai anche per il ristoratore che si è visto multare er l'omesso controllo volontario delle disposizioni anti-covid oltre a chiudere il ristorante per 5 giorni. A questo si è aggiunta anche una denuncia a piede libero per istigazione a delinquere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristoratore esorta i clienti a non mostrare il Green Pass durante un controllo della Polizia: denunciato

RiminiToday è in caricamento