menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ristoratrice scrive al premier Conte: "Questa incertezza ci sta uccidendo"

La titolare del Mamì Bistrot di Rivabella: "Ho 22 dipendenti e ancora non se neppure se il prossimo weekend potrò riaprire"

Stretta nella morsa dell'incertezza, stanca di non poter dare risposte chiare a 22 lavoratori e alle loro famiglie, in un momento fugace di sconforto, ha aperto la sua posta elettronica ed ha scritto una lettera al presidente Giuseppe Conte.  Un'iniziativa assunta anche a nome di tanti colleghi ristoratori riminesi che, come lei, vivono nel perenne disagio di non poter programmare, con il necessario preavviso, la riapertura dei loro locali. Si riparte venerdì prossimo? O forse lunedì? Anche Severine Isabey, titolare del Mamì Bistrot di Rivabella, sfoglia la margherita dell'incertezza e, nel frattempo, resta sospesa nel limbo della "via di mezzo". 

"Qualche settimana fa - ricorda - fummo colti tutti di sorpresa dall'ordinanza regionale che, da un giorno all'altro, ci imponeva la chiusura. Noi, che avevano già fatto gli abituali rifornimenti per il weekend e programmato anche un piccolo intrattenimento mattutino, fummo costretti ad annullare tutto e a regalare tanti prodotti freschi che sarebbero andati a deperimento. Oggi la speranza è che le istituzioni tengano presente la complessità delle nostre imprese e ci diano il tempo necessario per organizzare, nel caso, una comoda riapertura. Abbiamo imparato in questi mesi a 'navigare a vista', ma tanti lavoratori aspettano da noi delle risposte e, anche se non dipende da noi, è davvero imbarazzante non poter offrire a questi ragazzi neppure un orizzonte di speranza". 

Schermata 2020-12-01 alle 09.18.16-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento