Ritrovato cadavere in mare, si sospetta possa essere il canoista scomparso

La macabra scoperta è stata fatta dall'equipaggio di un peschereccio che ha poi allertato la motovedetta della Capitaneria di porto

Foto archivio

Il cadavere di un uomo di cui non si conosce ancora l'identità, è stato avvistato e recuperato nel pomeriggio di sabato nel mare a largo di Ortona. Il corpo è stato notato dall'equipaggio di un peschereccio a circa 40 miglia dal porto, che ha immediatamente allertato la guardia costiera arrivata sul posto con alcune motovedette coordinate dalla Direzione Marittima di Pescara. Ad una prima ispezione sembrerebbe avere circa 40 anni ed indossava abiti impermeabili. La salma è stata trasferita nell'obitorio dell'ospedale di Chieti. Il corpo potrebbe essere dell'uomo di Bologna scomparso nel mare di Ravenna lo scorso 7 dicembre mentre stava navigando con la sua canoa, quest'ultima poi ritrovata nel tratto di mare tra Cesenatico e Rimini. L'età infatti sarebbe compatibile con quella del geometra 45enne di Borgo Panigale la cui sparizione era stata denunciata dal fratello i primi giorni di dicembre. Dopo l’allontanamento dal capoluogo emiliano, l’auto del geometra, una Fiat Seicento, era stata trovata dai militari dell’Arma della stazione di Marina Romea a Casal Borsetti. Si propende per un suicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento