Sangue e viscere nel fossato, svelato il giallo della Valmarecchia

In un primo momento si è pensato a un efferato omicidio, caccia a chi ha abbandonato i resti

Hanno pensato a un efferato omicidio i carabinieri di Poggio Torriana quando, nella serata di venerdì, sono stati allertati da un passante che aveva individuato in un fossato un sacchetto intriso di sangue dal quale uscivano delle viscere. L'allarme è partito da via Camerano e, sul posto, è intervenuta una pattuglia dell'Arma. I dubbi che quei resti potessero appartenere a una persona hanno fatto propendere per la richiesta di un'ispezione sul posto da parte del medico legale. Dopo averli ispezionati, l'anatomopatologo ha accertato che, in realtà, si trattava dei resti della macellazione di qualche animale facendo così rientrare l'allarme. Resta in piedi, tuttavia, l'indagine dei carabinieri per accertare chi abbia abbandonato gli scarti e, al momento, sono in corso gli accertamenti sulle telecamere di videosorveglianza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rimini il primo caso di contagio in Romagna

  • Coronavirus a Rimini, il malato un cacciatore cattolichino rientrato da una battuta in est Europa

  • Positivo al Coronavirus, scatta la quarantena per chi è venuto a contatto col cattolichino

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • L'ordinanza: chiuso il ristorante dell'uomo colpito dal Coronavirus e tutti i luoghi di aggregazione

  • Il ristoratore malato di Coronavirus era rientrato in Italia da pochi giorni

Torna su
RiminiToday è in caricamento