Il rogo alla ex Eco-Pfu ha divampato per tutta la notte, la nube sulla Valconca

I vigili del fuoco di Rimini e Pesaro sono ancora al lavoro per cercare di estingure l'incendio che sta devastando il deposito pneumatici dell'azienda. Il denso fumo nero continua a stazionare sui paesi dell'entroterra marchigiano-romagnolo

Le fiamme, nel pomeriggio di giovedì, sono tornate ad interessare il deposito pneumatici della ex Eco-Pfu​, l'azienda che si occupa del recupero di materiale plastico, pneumatici e rottami ferrosi che dallo scorso 7 gennaio sta andando a fuoco. In particolare, ad essere avvolto dalle fiamme è sia il deposito di pneumatici che quello dei materiali ferrosi con le fiamme che hanno provocato una densa nube nera che si è levata sui paesi della Valconca tanto da far scattare l'allarme della Potezione Civile, che ha invitato i cittadini dei comuni limitrofi a non uscire di casa e a mantenere chiuse porte e finestre. I vigili del fuoco di Rimini e Pesaro hanno lavorato per tutta la notte tra giovedì e venerdì per cercare di estinguere nuovamente le fiamme e, nella mattinata di venerdì, il rogo poteva ritenersi spento anche se, ancora adesso, la nube nera si sta alzando dai resti dei pneumatici andati in cenere tanto che le squadre dei pompieri continuano a stazionare sul posto per evitare che l'incendio possa tornare a divampare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento