Rompe i sigilli del contatore, al padrone di casa arriva maxi bolletta

Brutta avventura per un residente di Sant'Agata Feltria che si è visto arrivare il sollecito di pagamento da un'azienda di fornitura di energia elettrica

Quando si è visto arrivare un maxi sollecito di pagamento, da diverse migliaia di euro, il proprietario di una casa di Sant'Agata Feltria ha subito pensato a un errore ma, in realtà, era stato l'inquilino che aveva rotto i sigilli al contatore e iniziato a consumare allegramente l'energia elettrica. A scoprire a proprie spese l'inghippo è stato il padrone di casa che si è rivolto ai carabinieri per denunciare l'accaduto raccontato che, da novembre 2010 a dicembre 2013, l'appartamento era stato affittato a un 41enne aquilano. Le indagini dell'Arma hanno permesso di accertare che l'inquilino aveva rimosso i sigilli dal contatore e proceduto a riattivare l'energia elettrica senza però comunicare nulla a nessuno. Per il 41enne è scattata la denuncia a piede libero per furto aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento