menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

S-lambrettati in Tanzania' la missione riparte con moto da enduro cinesi

Parte ufficialmente da Karansi, in Tanzania, il progetto moto-solidale di Tanzania in Lambretta - Missione Sabuko 2012 che vede coinvolti un gruppo di appassionati di moto romagnoli e marchigiani

Parte ufficialmente da Karansi, in Tanzania, il progetto moto-solidale di Tanzania in Lambretta - Missione Sabuko 2012 che vede coinvolti un gruppo di appassionati di moto romagnoli e marchigiani uniti nella raccolta fondi per la realizzazione di un college che garantirà una ottima preparazione scolastica a 600 studenti di età compresa tra i 13 e i 18 anni. A causa del mancato rispetto dei tempi di consegna dei mezzi (tre moto da enduro e una Lambretta 150 Li del ’65) da parte della nave cargo Jolly Diamante il tour ha subito un grave rallentamento, nonostante ciò non si è voluto mancare l’appuntamento con la solidarietà né con la popolazione locale.

Ci sono voluti giorni per riorganizzare l’intero progetto, sfidando la burocrazia e la difficoltà nel reperire nuovi mezzi e reti internet, ma i piloti assieme a tutto lo staff di Tanzania in Lambretta al lavoro sia dall’Africa, sia dall’Italia, hanno studiato una nuova sfida del tutto emozionante e avvincente visto che gli spostamenti avverranno su moto da enduro  con cilindrata 150, acquistate in Tanzania, ma di importazione cinese. Mezzi sconosciuti ai piloti che abbandoneranno le comodità e l’affidabilità delle 2 BMW Gs, della Ktm e della Lambretta, modificata per lo sterrato, impugnando le manopole di un paio di moto molto più leggere e instabili, con sospensioni rigide sull’anteriore e dotate di un’elettronica precaria.

Non solo, nel container ancora da sdoganare al porto di Dar Es Salam dove la nave è attraccata solo l’11 dicembre scorso, con due settimane di ritardo, sono rimasti all’interno anche strumenti meccanici e gran parte delle protezioni (spinali, giacche, pettorina). Con loro avranno strumenti Gps, caschi e maglie da cross con i colori nazionali della Tanzania in onore della popolazione che li ospita. Vista la situazione e l’assenza di mezzi, senza perdersi d’animo gli amici hanno deciso di ribattezzare la missione ‘S-lambrettati in Tanzania’, un modo per sorridendo di fronte alle difficoltà e alla sventura.

Una sfida nella sfida, che vedrà ancora una volta come suo fulcro la beneficenza, infatti, i piloti hanno deciso di acquistare a spese proprie le due moto e di donarle ai missionari. Una decisione dettata dalla necessità di rispettare l’impegno preso e con i sostenitori, ma anche seguendo le esplicite richieste dei missionari del posto con i quali dal 30 novembre all’11 dicembre sono stati in contatto visitando 8 centri missionari, incontrando la popolazione di numerosi villaggi percorrendo circa 2.000 chilometri.

A Sabuko, nel centro missionario cattolico si sono riuniti i 19 volontari di Ada Onlus Cattolica per la Tanzania e i 4 piloti di Tanzania in Lambretta, insieme faranno visita al preside e ai docenti della Scuola superiore dedicata a ‘Aldo Olivieri’ di Cattolica. L’istituto durante l’anno ha già ospitato i primi studenti, in totale 108 (i prossimi 100 arriveranno a gennaio del prossimo anno), che hanno avuto l’opportunità di studiare la lingua Swahili, inglese, matematica ed in appositi laboratori anche chimica, fisica.

La scuola è considerata dalla popolazione una delle migliori scuole dell’intero Stato, visto che tutti i professori sono laureati, alcuni dei quali con esperienze di studio e di insegnamento all’estero. Con grande sorpresa degli insegnanti e dei volontari la scuola è in overbooking, visto che le prenotazioni sono continue e giungono da ogni dove. Intanto proseguono i lavori per la costruzione dei dormitori che nei prossimi mesi ospiteranno gli studenti provenienti dalle regioni più lontane.

Dall’Italia e dal mondo in 11.000 stanno seguendo il progetto e sostenendo la missione con donazioni, come hanno fatto Erika e Giacomo, novelli sposi di Cattolica che lo scorso giugno hanno deciso di devolvere il costo dei doni offerti dai propri invitati in favore della Missione solidale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento