Sabbiodotto permanente a Riccione, al via i lavori

Sull'arenile, nei pressi del molo di levante del porto di Riccione, è avvenuta la consegna del cantiere per la realizzazione del sabbiodotto permanente di Riccione all'impresa aggiudicataria

Sull’arenile, nei pressi del molo di levante del porto di Riccione, è avvenuta la consegna del cantiere per la realizzazione del sabbiodotto permanente di Riccione all’impresa aggiudicataria, la Coop. San Martino di Chioggia. A dare il via ufficiale ai lavori è il verbale di consegna dell’opera sottoscritto dal Dirigente del Settore Difesa della Costa della Regione Emilia-Romagna, ingegner Andrea Peretti e dall’ingegner Sanzio Sammarini, Responsabile del Servizio tecnico di bacino Romagna, sede di Rimini, in qualità di soggetti committenti dell’opera, e dal geometra Stefano Boscolo, rappresentante dell’impresa aggiudicataria. Nei prossimi giorni l’impresa avvierà il picchettamento della porzione dell’arenile interessato dagli scavi.

Alla firma dell’atto hanno assistito, inoltre, il Sindaco Massimo Pironi e l’Assessore all’ambiente Enrico Ghini, il dirigente comunale, ingegner Ivo Castellani, (Lavori pubblici, infrastrutture), il Comandante dell’Ufficio Locale Marittimo Ivan Pinzon, i presidenti delle cooperative Bagnini di Riccione, Enzo Manzi e Adriatica e Renato Santi (Coop. Adriatica).

“La realizzazione del sabbiodotto – ha commentato il Sindaco Massimo Pironi – è una delle opera più importanti del nostro programma di mandato. Siamo riusciti a fare in modo che la Regione riconoscesse la peculiarità della spiaggia di Riccione e confermasse il suo impegno. Siamo convinti che con l’erosione marina dovremo conviverci ancora a lungo, ma in questo modo potremo difendere la nostra spiaggia ed essere sempre pronti per le eventuali emergenze. Il sabbiodotto tutela la nostra spiaggia per come è, senza barriere di scogli all’orizzonte e senza ostacoli allo sguardo. Una caratteristica che la rende particolarmente pregiata agli occhi dei turisti”. Grande soddisfazione è stata espressa anche dai rappresentanti delle cooperative dei bagnini riccionesi, che hanno ringraziato la regione Emilia Romagna per il suo impegno a tutela dell’arenile.

Com’è noto, il sabbiodotto è un impianto permanente di pompaggio della sabbia dai punti di accumulo in prossimità dell’imboccatura del porto alle aree, a Sud e a Nord, più soggette all’erosione marina. L’opera consiste nella posa di una tubazione, interrata a 80 cm di profondità sotto la sabbia e intervallata da 25 pozzetti di ispezione. L’impianto si compone di due segmenti: il primo a Nord del porto canale, lungo 550 metri circa; il secondo, a Sud, lungo 3.300 metri. Per la lunghezza della tratta a Sud, è prevista una stazione di pompaggio supplementare in piazzale San Martino, alimentata da un motore diesel di 450 Kw, alloggiato in una cabina insonorizzata. Il costo dell’opera ammonta a un milione di euro, finanziati per intero da fondi regionali. La durata dei lavori è preventivata in tre-quattro mesi. Una volta delimitata l’area del cantiere e tratteggiata la linea di scavo lungo l’arenile, il Servizio Ambiente del Comune di Riccione, darà avvio ai lavori per la costituzione delle dune in sabbia a protezione della spiaggia.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento