Scoperto un altro tombarolo: in casa nascondeva monete malatestiane, croci e argento

Per i carabinieri i casi non sono isolati. L'uomo ha giustificato il bottino come il frutto di domeniche di "svago" con il metal detector

La "passione" per l'archeologia gli è costata una denuncia dei Carabinieri della stazione di Saludecio. A finire nei guai un pensionato di 71 anni, originario proprio di Saludecio, trovato in possesso di un vero e proprio tesoro illegale. Dopo una lunga attività investigativa che ha riguardato un presunto commercio di reperti archeologici in Valconca, che ha già portato alla scoperta di un tesoro di antichi monili e alla denuncia del "collezionista", i carabinieri hanno scoperto un nuova preziosissima collezione privata illecita custodita nell’abitazione del 71enne. Visti i casi l'attenzione dei carabinieri continua a essere alta su questo fenomeno poiché le indagini hanno accertato che non si tratta di casi isolati.

reperti -saludecio - tombarolo - 4-2

Anche in questa circostanza l’uomo ha giustificato il bottino come il frutto di domeniche di “svago” trascorse nelle campagne in compagnia del suo metal detector, che nel tempo gli ha consentito di riportare alla luce una croce reliquiario in bronzo, di area ortodossa – bizantina, raffigurante due immagini di santi con lettere greche di dazione medioevale – moderna; due monete d’argento da “un denario” risalenti al I e II secolo d.C.; una medaglia malatestiana in bronzo di “Sigismondo Pandolfo Malatesta”, risalente alla metà del 15esimo secolo. E, ancora, due medaglie malatestiane raffiguranti “Sigismondo” e “Isotta”, risalenti al 16esimo secolo circa; un vasetto e un frammento di ceramica risalenti al periodo compreso fra il 16esimo e il 17esimo secolo; tre mortai di artiglieria, risalenti al periodo compreso tra il 16esimo e il 17esimo secolo; sei pezzi d'argento lavorati a mano (tra il 16esimo e 18esimo secolo); dieci pezzi di varia tipologia, risalenti al periodo compreso tra il 16esimo e il 19esimo secolo e una moneta italiana in bronzo del 1699.

reperti -saludecio - tombarolo - 3-2
Tutto il materiale è stato sequestrato e l’archeologo amatoriale è stato denunciato per impossessamento illecito di beni culturali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

reperti -saludecio - tombarolo - 2-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento