"Salviamo il Nostro mare": tappa a Misano per l'iniziativa di salvaguardia della costa

L'appuntamento di domenica prossima, in programma a Misano, proseguirà il percorso che ha preso avvio a Cattolica il 10 dicembre 2017 e proseguirà a Riccione il 28 gennaio e a Rimini il 4 febbraio

Domenica, a partire dalle 10,30, dalla spiaggia parcheggio dei Gigli, si svolgerà "Salviamo il nostro mare". Si tratta di una campagna di partecipazione attiva per la salvaguardia delle coste e del mare promossa tra gli altri da Italia Nostra, Fondazione Cetacea, Legambiente, Greenpeace, WWF e Croce Rossa Italiana e sposata dall'amministrazione Comunale di Misano Adriatico che prevede la pulizia della spiaggia da parte di tutte quelle persone che hanno il desiderio di fare una piccola azione di pubblica utilità per il contrasto all'inquinamento da plastiche e microplastiche.
 
Durante l'intera giornata gli interessanti saranno chiamati a fare gli spazzini della battigia e della spiaggia di Misano per dare un segnale chiaro e preciso rispetto ad una piaga purtroppo in costante ascesa. La raccolta è prevista anche in caso di maltempo: basterà un adeguato equipaggiamento con stivali e con guanti robusti e sacchi di plastica. Il messaggio sarà forte e chiaro: anche Misano e i misanesi vogliono salvare il loro mare. L'appuntamento di domenica prossima, in programma a Misano, proseguirà il percorso che ha preso avvio a Cattolica il 10 dicembre 2017 e proseguirà a Riccione il 28 gennaio e a Rimini il 4 febbraio.

"Una piccola azione educativa di pubblica utilità - spiegano gli organizzatori - che ha come obiettivo quello di dare un segnale forte e sollecitare amministratori pubblici,  comitati  e cittadini sul tema della riduzione della produzione dei rifiuti e sulle conseguenze della loro dispersione in mare". "La campagna “ Salviamo il nostro mare” vuole sensibilizzare e far conoscere  quanto l’uso spropositato di packaging e le difficoltà dello smaltimento di rifiuti sia causa e danno per tutto l’ecosistema - illuistrano le associazioni ambientaliste -. L’azione di ripulitura sulla battigia marina è  un gesto simbolico per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica locale  sull'urgenza di soluzioni innovative ed alternative nella produzione, nel consumo e nello smaltimento degli imballaggi".

"Con l‘aiuto e la partecipazione di tutti  potremo agire in modo più’ ampio e più consapevole, intervenendo con continuità  sull’emergenza ambientale attraverso proposte, progetti ed iniziative sul territorio locale, regionale e nazionale. Chiediamo ai Comuni  di Cattolica, Misano, Riccione e Rimini, a cui abbiamo chiesto il Patrocinio gratuito  dell'iniziativa, di partecipare attivamente facendosi  promotori essi stessi e coinvolgendo le scuole i comitati e tutti i cittadini affinché essi vengano sollecitati e accompagnati  ad assolvere e perseguire le buone pratiche di un vivere civile e in armonia con l’ambiente", concludono gli organizzatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento