San Leo: incontro sul progetto regionale "Scuola@Appennino"

Venerdì, dalle ore 10 alle 12.30, avrà luogo nella Sala del Teatro del Palazzo Mediceo di San Leo un incontro rivolto ai docenti sul progetto regionale “Scuola@Appennino”

Venerdì, dalle ore 10 alle 12.30, avrà luogo nella Sala del Teatro del Palazzo Mediceo di San Leo un incontro rivolto ai docenti sul progetto regionale “Scuola@Appennino”. La Regione Emilia Romagna finanzia con oltre 300 mila euro Scuola@Appennino, un progetto biennale rivolto alle scuole di montagna, che prevede modelli di didattica e di comunicazione innovativi, coordinato insieme da Regione, Ufficio Scolastico Regionale, Uncem, Upi e Lepida spa, in collaborazione con l'Università di Bologna che si occupa della formazione degli insegnanti.

Una delle questioni problematiche della scuola in territorio montano riguarda la presenza di pluriclassi che, a causa dei numeri limitati di alunni, mettono insieme studenti di età e di livelli di apprendimento diversi, con evidente discapito della qualità e della continuità dell’offerta didattica. Scuola@Appennino si propone di costituire una collaborazione tra scuole, istituzioni, associazioni e famiglie e di mettere in rete le scuole di montagna, predisponendo gli adeguati collegamenti telematici, per garantire l’accesso ai servizi educativi e culturali e migliorare la comunicazione e l’interazione tra i plessi scolastici.

Le classi dotate di lavagne interattive, notebook e tablet potranno infatti collegarsi in videoconferenza con altre scuole, superando attraverso la tecnologia l'isolamento e i problemi legati alla presenza di pluriclassi e differenziare la propria offerta educativa e metodologia didattica. Fra le 28 pluriclassi che partecipano alla sperimentazione promossa da Ufficio Scolastico Regionale e Regione Emilia-Romagna, in Provincia di Rimini figurano la Scuola Primaria di San Leo, la Scuola Primaria di Casteldelci (entrambe sin dalla prima annualità del progetto), la Scuola Primaria di Perticara e la Scuola Primaria di Sant’Agata Feltria.

“Un progetto di grande importanza, perché la montagna è una parte viva della nostra regione e le scuole ne sono il cuore – ha spiegato l’assessore Patrizio Bianchi – Con Scuola@Appennino intendiamo fornire strumenti innovativi per costruire un modello educativo che permetta di coinvolgere anche a distanza gruppi di ragazzi, che altrimenti sarebbero isolati. Intendiamo fare di Scuola@Appennino un progetto pilota del prossimo Fondo Sociale Europeo, con l’intenzione di dargli la rilevanza che merita a livello nazionale ed europeo”.

Nell’ambito dell'incontro interverranno  Meris Soldati, Assessore alla Scuola della Provincia di Rimini, Agostina Melucci, Dirigente dell’Ufficio territoriale MIUR XVII di ambito territoriale per la Provincia di Rimini, Stefania Scorri, Dirigente Servizio monitoraggio e coordinamento dei sistemi informativi dell’istruzione, della formazione e del lavoro Regione Emilia Romagna e Giovanni Battista Pasini, Presidente UNCEM Emilia Romagna

Le conclusioni dei promotori il progetto sono affidate a  Stefano Versari, Vice Direttore Generale Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna, e Patrizio Bianchi, Assessore Regionale Scuola Formazione professionale Università e Ricerca, Lavoro della Regione Emilia Romagna. All’incontro rivolto ai docenti sul progetto regionale “Scuola@Appennino” di venerdì sono invitate a partecipare anche le Associazioni genitori attive sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento