Cronaca

Sanità, l'Ausl Romagna nomina tre nuovi direttori a Rimini. Carradori: "Tappa importante"

La sanità riminese si arricchisce di nuove figure professionali. Si tratta di tre nuovi incarichi di direzione per la guida di altrettanti strutture complesse

La sanità riminese si arricchisce di nuove figure professionali. Si tratta di tre nuovi incarichi di direzione per la guida di altrettanti strutture complesse che rivestono un ruolo chiave nell’ambito dell’organizzazione aziendale, sia sul fronte della medicina territoriale che sul versante ospedaliero.

Il dottor Vincenzo Domenichelli è stato scelto a capo dell’’Unità Operativa di Chirurgia  Pediatrica dell’ospedale Infermi, il dottor Franco Borgognoni ha assunto l’incarico di direttore dell’Unità Operativa Igiene Pubblica e la dottoressa Cristina Fabbri è stata designata  direttore della Direzione Infermieristica e Tecnica per l’ambito riminese. Tutti e tre i professionisti provengono dall’organico interno dell’Azienda. I tre professionisti, che provengono dall’organico interno dell’Azienda, sono stati presentati ufficialmente martedì a Rimini, nel corso di una conferenza stampa che ha visto la presenza del direttore generale Ausl Romagna Tiziano Carradori del direttore sanitario Ausl Romagna Mattia Altini e del direttore del Presidio ospedaliero Francesca Raggi.

"Con queste nomine presentiamo una tappa importante del percorso di completamento della copertura di direzione di strutture complesse che ha riguardato tutta l’Azienda USL della Romagna – ha sottolineato il direttore generale Tiziano Carradori. Si tratta di tre strutture che assicurano servizi di particolare rilevanza per l’ospedale e per il territorio. E’ un investimento importante per il mantenimento e lo sviluppo delle caratteristiche di qualità che contraddistinguono i servizi aziendali".

"Quando questa Direzione si è insediata in Romagna c'erano 54 strutture complesse non coperte – ha affermato il direttore sanitario Mattia Altini -  Con grande impegno siamo riusciti ad istituire e a coprire, in pochi mesi, ben 30 di quelle strutture. E’ un risultato importante. Rivolgo un ringraziamento a coloro che hanno garantito la continuità della attività prima di queste nomine".

"In una fase storica in cui si parla di integrazione e approccio multidisciplinare – ha affermato la dottoressa Raggi - dobbiamo essere tutti orgogliosi di far parte di questa grande squadra. Durante la pandemia questo ospedale non si è mai fermato, grazie al coraggio e al prezioso lavoro di tutti i professionisti, con una attenzione verso il paziente che non è mai venuta meno. Ci aspettano nuove importante sfide, che porteremo avanti insieme, con l’obiettivo di migliorare ulteriormente la qualità dell’assistenza e delle cure".

I professionisti

Vincenzo Domenichelli. Milanese di nascita ma riminese di adozione ha assunto il nuovo incarico di direttore dell’Unità Operativa di Chirurgia Pediatrica a gennaio 2021,  un ruolo che già ricopriva in qualità di facente funzioni dal novembre 2019.  Si è laureato in Medicina e Chirurgia  presso l’Università di Bologna dove si è poi Specializzato in Chirurgia Pediatrica. Dal 2013 é stato prima responsabile di Struttura Semplice di Unità Operativa denominata “Chirurgia Urologica Pediatrica” e poi responsabile della Struttura Semplice di Coordinamento dell’Attività Policentrica di Chirurgia Pediatrica dell’Ausl Romagna. Si è sempre interessato di urologia pediatrica eseguendo tra gli altri numerosi interventi di uro-ginecologia e contribuendo alla sviluppo degli ambulatori specialistici di urologia pediatrica e di urodinamica. E’ anche ideatore di un accesso chirurgico per il trattamento della stenosi del giunto pieloureterale. Negli ultimi anni si è occupato anche di Chirurgia mini-invasiva e robotica ed è stato promotore della gestione Fast-Track di pazienti chirurgici pediatrici. Si è interessato alla gestione delle ferite difficili con medicazioni avanzate in ambito pediatrico e neonatale - in particolare la terapia a pressione negativa - partecipando a numerosi congressi e convegni anche in ambito internazionale dove ha portato l’esperienza della propria unità operativa - una tra le prime in Italia ad usare tale tecnologia. Annovera una consolidata esperienza operatoria in chirurgia neonatale e ricostruttiva. Componente di diversi  gruppi di lavoro aziendali e regionali e autore di numerosi studi nazionali e internazionali, da sempre partecipa e organizza missioni umanitarie in Tanzania, Uganda, Senegal, Bangladesh, Vietnam dove ha eseguito numerosi interventi chirurgici trattando le più complesse malformazioni congenite del bambino. E’ responsabile Regionale della Società Italiana di Videochirurgia Infantile (SIVI), membro di diverse società scientifiche nazionali e internazionali e revisore di riviste scientifiche internazionali.

Franco Borgognoni. Riminese, da settembre a oggi ha ricoperto l’incarico temporaneo di responsabilità della struttura complessa Unità Operativa Igiene e Sanità Pubblica di Rimini, si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi Chieti nel 1985 con  specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva. Inizia subito a lavorare in qualità di dirigente medico al Dipartimento di Sanità Pubblica di Rimini, ricoprendo negli anni diversi incarichi professionali inerenti l’igiene delle strutture sanitarie e sociosanitarie e il controllo delle professioni sanitarie fino ad assumere nel 2019 l’incarico di Alta Specializzazione denominato “Controllo Strutture Sanitarie e Socio Assistenziali” afferente al Dipartimento di Sanità Pubblica. E’ coordinatore di diversi gruppi di lavoro interprofessionale e presidente o vice presidente di Commissioni in materia di autorizzazione e controllo delle strutture sanitarie e socio sanitarie sia pubbliche che  private, di affidamento familiare e accoglienza in comunità di bambini e ragazzi. Nel corso della sua attività professionale il dottor Borgognoni ha sviluppato competenze specifiche nell’ambito della sanità pubblica e maturando una consolidata esperienza quale valutatore del sistema gestione qualità nel settore della sanità per l’Agenzia Sanitaria Regionale della regione Emilia Romagna e responsabile dell’organismo tecnico di ambito provinciale per l'accreditamento delle strutture socio sanitarie. Si è inoltre occupato di sicurezza, educazione sanitaria, gestione del rischio per la salute, svolgendo una intensa attività di coordinamento, integrazione, tutoraggio e formazione.

Cristina Fabbri, santarcangiolese, arriva da Ravenna dove dal 2015 ad oggi ha ricoperto l’incarico di direttore pro tempore della struttura complessa Direzione Infermieristica e tecnica per l’ambito ravennate. Si è laureata nel 2003  in Sociologia ad indirizzo organizzativo e del lavoro presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Urbino. Nel 2006 ottiene la seconda laurea specialistica in Scienze Infermieristiche e Ostetriche presso la Facoltà di medicina e chirurgia dell’università di Firenze. Successivamente consegue anche due master di secondo livello in ricerca organizzativa nelle aziende sanitarie e in politiche sanitarie presso l’Università degli studi di Bologna. La sua attività professionale inizia all’ospedale Bufalini di Cesena , poi lavora a Ferrara, a Bologna, e anche a Rimini. Dal 1999 al 2002 svolge la sua attività presso la sede formativa diploma universitario per infermiere come docente del corso integrato di infermieristica clinica e come coordinatore di tirocinio del secondo anno di corso. Dal 2002 al 2015 è in forza presso la Direzione Infermieristica e tecnica di Cesena come responsabile infermieristico del dipartimento Emergenza e rappresentante per il sistema qualità. Nel corso degli anni la dottoressa Fabbri ha maturato competenze nel campo delle scienze infermieristiche e nei processi organizzativi e formativi  e assistenziali. Componente di diversi gruppi di lavoro e progetto a valenza aziendale e regionale e referente organizzativo aziendale per la direzione infermieristica di alcuni percorsi clinici, vanta alle spalle anche una consolidata esperienza come docente in campo universitario. Attualmente è professore a contatto presso l’università degli studi di Bologna, Facoltà di Medicina e Chirurgia per il Corso di Laurea in infermieristica dell’insegnamento di organizzazione sanitarie  e dei processo assistenziale - Campus di Rimini e al  Master Universitario di 1 livello in management per le funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie - sede di Rimini.

 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, l'Ausl Romagna nomina tre nuovi direttori a Rimini. Carradori: "Tappa importante"

RiminiToday è in caricamento