Coronavirus, parte il servizio a domicilio con spesa, pasti caldi e medicine per anziani e disabili

Da venerdì via all'assistenza a domicilio a favore della popolazione più fragile e vulnerabile residente nei territori dell'Unione di Comuni Valmarecchia

Al via il sistema di assistenza a domicilio a favore della popolazione più fragile e vulnerabile residente nei territori dell’Unione di Comuni Valmarecchia, la cui condizione è aggravata dalle misure restrittive previste dai decreti per il contenimento del Coronavirus. Gli anziani con più di 65 anni, i disabili o le persone affette da gravi problemi sanitari che hanno difficoltà a spostarsi da casa potranno telefonare per richiedere pasti caldi, generi alimentari e beni di prima necessità e farmaci che verranno consegnati da volontari e associazioni che hanno aderito al progetto.

Per quanto riguarda le richieste di consegna a domicilio di pasti caldi e spesa nei comuni della bassa valle – Santarcangelo, Verucchio e Poggio Torriana – già dal primo pomeriggio di venerdì 13 marzo saranno attivi i numeri 0541/356.339 e 320/4323631 (da lunedì a venerdì dalle 8,30 alle 17,30 e il sabato dalle 8,30 alle 13) predisposti dall’Ufficio Unico Servizi Sociali, mentre il servizio di consegna gratuita partirà lunedì 16 marzo grazie alla collaborazione di Asp Valloni Marecchia e l’associazione Beato Simone. Nei prossimi giorni, anche i comuni dell’alta Valmarecchia si doteranno di un numero di telefono dedicato esclusivamente ad anziani e disabili.

Per la consegna dei farmaci, invece, l’ufficio unico Servizi sociali ha stipulato un accordo con Federfarma e Croce Rossa: il servizio sarà disponibile da lunedì 16 marzo per l’intero territorio dell’Unione di Comuni telefonando al numero 800/231999. Intanto sono già arrivate le prime adesioni da parte di volontari – fra cui quelli della cooperativa La Goccia - per effettuare le consegne a domicilio di generi alimentari e di beni di prima necessità. L’ufficio unico servizi sociali lancia comunque un appello a chiunque desideri rendersi disponibile nei territori della bassa valle: ai volontari (sia singoli che associazioni) e ai negozi di generi alimentari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I primi, possono compilare l’apposito modulo pubblicato sul sito www.comune.santarcangelo.rn.it e inviarlo alla mail ( servizisocialibvm@vallemarecchia.it ), i negozi che intendono aderire al progetto, possono invece contattare direttamente i servizi sociali al numero 0541/356.297. Nel frattempo, gli uffici stanno contattando i disabili e gli anziani già in carico ai servizi sociali per verificare lo stato di salute e la necessità di assistenza domiciliare riguardo a pasti e medicine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento