In casa un arsenale per la caccia di frodo: santarcangiolese finisce nei guai

Dedicava le sue giornate alla cattura di frodo di fauna selvatica, installando nel giardino della propria abitazione e nei campi di sua proprietà reti e trappole per uccelli. L'illecita attività non è sfuggita agli uomini della Polizia Provinciale di Rimini

Dedicava le sue giornate alla cattura di frodo di fauna selvatica, installando nel giardino della propria abitazione e nei campi di sua proprietà reti e trappole per uccelli. L'illecita attività non è sfuggita agli uomini della Polizia Provinciale di Rimini, impegnati in uno dei numerosi controlli antibracconaggio effettuati sul territorio, che hanno denunciato l'uomo, un cacciatore di Santarcangelo di Romagna. Nelle serre e all’interno di un capanno agricolo, gli agenti, hanno trovato un vero e proprio arsenale per la caccia di frodo.

Sono state sequestrate numerose reti da uccellagione e gabbie-trappola utilizzate dal bracconiere per catturare illegalmente gli uccelli. Durante la perquisizione è stato anche sequestrato un fucile di piccolo calibro e numerose cartucce, nascosti all’interno di un capanno che veniva utilizzato per abbattere illegalmente fauna selvatica.

Sono stati sequestrati circa cinquanta esemplari di fauna selvatica illegalmente catturata e detenuta,  tra cui diverse specie protette dalla convenzione di Berna perché a rischio di estinzione. Tra le specie catturate dal bracconiere sono stati rinvenuti esemplari di cardellino, lucherino, verdone, fringuello, peppola, passero domestico, storno, gazze, ghiandaie, tortore, quaglie, pernici rosse, merli, tordi bottaccio, pavoncella.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti gli animali sono stati sequestrati e affidati al locale Cras (Centro Recupero Animali Selvatici) per la riabilitazione al volo. L'uomo è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Rimini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella mattinata, ragazzino perde la vita

  • Si lascia cadere nel vuoto, gesto estremo di un ragazzo

  • Col monopattino elettrico in A14, bloccato dalla polizia in autostrada

  • Bellaria piange la scomparsa del 13enne, proclamato il lutto cittadino

  • Un ristorante del Riminese premiato da TripAdvisor: "Il locale è riconosciuto come un'eccellenza"

  • Sigilli al ristorante per maxi frode fiscale, evasi 1,3 milioni di euro e trovati 16 lavoratori in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento