Si infittisce il mistero, nessuna traccia del cacciatore scomparso

I soccorritori hanno passato al setaccio l'intera zona, spariti anche i cani dell'uomo

Fitto mistero sulla scomparsa di Giovanni Succi, il cacciatore 68enne di Santarcangelo che ha fatto perdere le proprie tracce dal pomeriggio di mercoledì nei boschi di Poggio Torriana. Per tutta la giornata di giovedì le squadre di soccorso hanno battuto l'intera zona attorno all'auto dell'uomo, un Fiat Qubo ritrovato parcheggiato in una strada sterrata nei pressi di via Paverani. Oltre a vigili del fuoco, carabinieri e soccorso alpino, giovedì mattina si è alzato in volo anche l'elicottero della Guardia di Finanza per le ricerche dall'alto ma senza esito. Il personale del 115, intervenuto con le squadre dei sommozzatori, ha valutato anche di cercare il 68enne in un bacino idrico poco lontano ma, secondo quanto emerso, intorno allo specchio d'acqua non sono state trovate impronte nel fango e si è escluso di dragare il fondo del lago. Ulteriori ricerche anche lungo i torrenti e le sponde del fiume Uso non hanno dato esito positivo.

Succi, secondo quanto emerso, era uscito con degli amici per una battuta di caccia nella mattinata di mercoledì ma, dopo pranzo, si era staccato dal gruppo insieme ai suoi due cani. Solo nella prima serata di ieri, non vedendolo tornare a casa, il figlio ha dato l'allarme alle forze dell'ordine ed è scattato il protocollo di ricerca coordinato dalla Prefettura di Rimini. Quasi subito è stata trovata l'auto del cacciatore ma, del 68enne e dei cani, si è persa ogni traccia e, fino a notte fonda, sono proseguite le ricerche. Il cellulare dell'uomo risultava attivo e, il segnale, proveniva sempre dalla zona del ritrovamento del Fiat Qubo. Nonostante l'impegno dei soccorrito, il telefonino non è stato ritrovato e nel pomeriggio di giovedì, molto probabilmente a causa della batteria scarica, il segnale è stato perso.

L'auto del cacciatore è stata ispezionata dai carabinieri della Compagnia di Novafeltria e, nell'abitacolo, non sono stati trovati elementi utili e, all'appello, manca il fucile da caccia. Resta anche il mistero sulla sorte dei due cani del 58enne anche se, nella mattinata di giovedì, due animali sarebbero stati visti vagare nella zona ma non è stato possibile catturarli per identificarli con certezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento