Rifiuti pericolosi per la salute, nei guai il titolare di un'autofficina del riminese

L'uomo è stato pizzicato dalla Guardia di Finanza con onduline in eternit contenitori di olio esausto

L'aver stoccato 200 chili di onduline in eternit e oltre 60 di olio esausto è costato una denuncia per gestione di rifiuti pericolosi non autorizzata al titolare di un'autofficina di Santarcangelo. L'uomo, un 53enne cesenate, è stato pizzicato durante un controllo dell'attività da parte della Guardia di Finanza. In perticolare, i militari delle Fiamme Gialle stavano accertando la regolarità delle procedure nello smaltimento dei rifiuti pericolosi. In un agolo del cortile, accatastate all'aperto e coperte da un telo, c'erano le onduline di eternit mentre i contenitori con l'olio erano stoccati senza autorizzazione nel locale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento