Scacco allo spaccio, pusher prende a testate agente della polizia

Quattro spacciatori finiti in manette, recuperato un pacchetto di eroina utilizzato per il trasporto anale

E' di quattro spacciatori finiti in manette il bilancio del fine settimana del personale della polizia di Stato che, nell'ambito dei controlli del territorio, hanno pattugliato Rimini. Il primo ad essere arrestato è stato un 18enne milanese che si aggirava con fare sospetto nei pressi di un locale. Gli agenti hanno deciso di fermarlo per identificarlo ma, il giovane, era sprovvisto di documenti il che ha spinto il perosnale della Questura a perquisirlo. Nel suo marsupio è così spuntato un vero e proprio minimarket della droga e, in particolare, 9 involucri di ketamina per un peso complessivo di 8 grammi, 46 involucri di Mdma per un perso complessivo di 20 grammi, 1 pasticca di ecstasy e 90 euro ritenuti il provento dello spaccio.

Durante le fasi dell'arresto, gli stessi agenti hanno notato un'auto con tre persone a bordo che girava insistentemente nei pressi dello stesso locale per poi fermarsi e parcheggiare. Dall'auto è sceso anche un 31enne algerino già noto alle forze dell'ordine che ha fatto di tutto per entrare nella discoteca senza farsi vedere dal personale della polizia di Stato. E' stato proprio questo atteggiamento a insospettire gli agenti che lo hanno chiamato per controllarlo. Insensibile, il nordafricano è tornato sui suoi passi per risalire a bordo del veicolo e, una volta nell'abitacolo, è stato visto prendere in involucro di cellophane e portarlo alla bocca. I poliziotti sono scattati per bloccarlo ma, a questo punto, il 31enne si è trasformato in una furia cercando in tutti i modi di divincolarsi e ingoiare il sacchetto che si è poi scoperto contenere dell'eroina.

Nelle fasi concitate, mentre l'algerino minacciava di morte gli agenti, lo straniero ha fatto partire una testata che ha rotto il labbro a un poliziotto ma, allo stesso tempo, ha sputato lo stupefacente mentre intorno si è scatenato il fuggi fuggi di clienti del locale spaventati dalla situazione. Non senza fatica, il personale della Questura è riuscito ad ammanettare il nordafricano ma, nonostante le manette, la sua furia non si è placata tanto che ha danneggiato anche l'auto di servizio sulla quale cercavano di caricarlo. Portato prima in ospedale per i controlli del caso, il 31enne è stato quindi trasferito in Questura dove è emerso che aveva cercato di ingoiare 4 grammi di eroina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo sono stati controllati anche i giovani che si trovavano in auto con il nordafricano. Ad essere identificati sono stati un 21enne bolognese e un coetaneo della Costa d'Avorio. Nell'abitacolo sono state trovate tracce di cocaina e dalla perquisizione dei due sono spuntati un pacchetto di sigarette, nascosto nelle parti intime del bolognese, contenente 8 grammi di marijuana e 5 di hashish, sempre nel suo zaino un ovulo di cellophane trasparente rosa utilizzato per il trasporto anale contenente 12 grammi di hashish, un grinder utilizzato per preparare e tritare la sostanza stupefacente; 11 involucri in plastica utilizzati per confezionare lo stupefacente, 200 euro in contanti ritenuti il provento dello spaccio. In tasca al ragazzo della Costa d'Avorio, invece, sono stati recuperati 1 banconota da 20 euro intrisa di cocaina, una dose da 1 grammo di cocaina, 1 cartoncino con 2 grammi di ketamina e 150 euro in contanti. Nello zaino dell'africano son poi spuntati altri 20 grammi di marijuana, un bancomat intestato a una ragazza e un Rolex entrambi di dubbia provenienza che gli sono valsi un'ulteriore denuncia a piede libero per ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Coronavirus, verso il blocco totale almeno fino a Pasqua: poi si valutano riaperture in "due fasi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento