rotate-mobile
Cronaca Bellaria-Igea Marina

Scardinata vasta rete di spaccio, la centrale gestita da una coppia di Bellaria

L'operazione dei carabinieri ha visto quattro persone finire agli arresti domiciliari e altre 9 indagate a vario titolo di smerciare sostanze stupefacenti

Maxi operazione dei carabinieri della Compagnia di Senigallia che, col supporto dei colleghi di Rimini e Cesenatico, hanno eseguito un provvedimento del gip del Tribunale di Ancona che ha portato all'arresto di 4 persone e altri 9 indagati a piede libero. Secondo quanto emerso, a gestire la centrale dello spaccio ci sarebbe una coppia residente a Bellaria che, insieme ai complici, avrebbe rifornito le piazze di spaccio l'hinterland senigalliese e la costa delle provincie di Rimini e quella di Ancona. L'indagine dei militari dell'Arma marchigiani era partite alla fine del 2023 e, gli inquirenti, hanno ricostruito la rete che inondava di cocaina le strade delle città interessate. Una rete di spaccio che avrebbe permesso, ai principali indagati, di guadagnare oltre 100mila euro in appena 6 mesi.

Secondo gli inquirenti, infatti, dalla base bellariese venivano riforniti i vari pusher che si occupavano a loro volta di distribuire la "neve" agli acquirenti. I militari nel corso delle perquisizioni eseguite anche nei confronti di altri 9 indagati, in concomitanza all'esecuzione delle misure cautelari, hanno recuperato 3 bilancini perfettamente funzionanti, 9 telefoni cellulari, diversi involucri con sostanza stupefacente del tipo hashish, cocaina e marijuana e la somma contante di circa 12.865 euro. I quattro principali indagati tra cui la coppia bellariese, lui 50enne e lei 45enne entrambi già noti alle forze dell'ordine, sono stati sottoposti ai domiciliari in attesa degli interrogatori di garanzia da parte del GIP del Tribunale di Ancona.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scardinata vasta rete di spaccio, la centrale gestita da una coppia di Bellaria

RiminiToday è in caricamento