Scomparso da due mesi, il corpo senza vita ritrovato in Spagna

Giuseppe Perella, 57enne originario di Maddaloni, da anni si era trasferito nel riminese e lavorava in un camping di Riccione

Era scomparso da circa 2 mesi Giuseppe Perella, 57enne originario di Maddaloni, ma trasferitosi da anni in Emilia Romagna e residente nella provincia di Rimini, fino a quando, lo scorso 21 marzo, è arrivato il triste epilogo con il suo cadavere che è stato ritrovato in Spagna. L’uomo aveva trascorso le vacanze di Natale a San Marco Evangelista in famiglia. La mattina dell’8 gennaio è stato accompagnato alla stazione dal cognato per fare rientro a casa, a Rimini, dove lavora come responsabile di un camping di Riccione.  

>> Tornano dalle ferie e trovano morta l'anziana parente in casa

Aveva acquistato un biglietto per il treno Frecciargento delle 9:15 diretto a Foggia e lì doveva prendere l’Intercity delle 11:18 diretto a Riccione: l’arrivo era previsto per le 16:14. Intorno alle 17  dello stesso giorno  ha chiamato la sorella per avvisarla che era arrivato a destinazione. Da allora nessuno ha più avuto sue notizie. Martedì 9 gennaio non si è presentato a un incontro con i suoi datori di lavoro e non si è fatto vedere neanche con la figlia di dodici anni. Da quel giorno nessuna traccia o notizia, non si sa se l’uomo abbia quel giorno raggiunto realmente la sua destinazione. Del suo caso si era occupata anche la trasmissione di Rai tre “Chi l’ha visto?”. Il ritrovamento dei poveri resti è avvenuto in circostanza ancora da chiarire a, sul caso, sta indagando la polizia Civl spagnola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

Torna su
RiminiToday è in caricamento