Cronaca

Scontri alla Fiera di San Martino, condannati gli aggressori dei vigili

Due giovanissimi venditori abusivi senegalesi sono stati ritenuti responsabili di aver mandato in ospedale 8 agenti della Municipale clementina

Sono stati ritenuti colpevoli di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni i due giovanissimi senegalesi, processati per direttissima mercoledì mattina, responsabili di due aggressioni al personale della polizia Municipale di Santarcangelo nel corso della Fiera di San Martino. Secondo quanto ricostruito in aula, sono stati due gli scontri che, nel tardo pomeriggio di martedì, hanno funestato la festa della città clementina scatenati, in entrambi i casi, dai venditori abusivi di merce contraffatta pizzicati dagli agenti della Municipale tra le strade di Santarcangelo. La prima rissa si è registrata verso le 18 dell'11 novembre, sotto i portici del palazzo comunale, quando il personale della Municipale ha cercato di far sloggiare i venditori abusivi con le loro distese di cianfrusaglie e capi con le griffe taroccate. I vu cumprà, tuttavia, non hanno gradito le attenzioni delle divise e si sono ribellati scatenando il parapiglia che ha costretto 6 vigili urbani a ricorrere alle cure dei sanitari. In questo primo scontro è stato arrestato un senegalese 21enne, clandestino in Italia. La seconda aggressione alle divise, invece, si è registrata dopo nemmeno mezz'ora dalla prima in via Montevecchi, a poche decine di metri dal Comando della Municipale. La dinamica è stata sempre la stessa: gli agenti che cercano di allontanare i venditori abusivi e, questi, che si ribellano con calci e pugni per evitare che la loro merce tarocca venga sequestrata. In questo scontro, ad avere la peggio sono stati altri due agenti della Municipale, anche loro costretti a rivolgersi al pronto soccorso, mentre un senegalese 20enne, anche lui clandestino, è stato bloccato. I due extracomunitari sono stati processati per direttissima mercoledì mattina e, il 21enne, è stato condannato a 1 anno di reclusione con la sospensione della pena e l'espulsione dall'Italia. Espulsione anche per il 20enne condannato, con la sospensione della pena, a 6 mesi di reclusione.

Mercoledì mattina, inoltre, il prefetto di Rimini Claudio Palomba e il viceprefetto vicario Clemente Di Nuzzo hanno incontrato il sindaco Alice Parma presso il Municipio di Santarcangelo in merito agli incresciosi fatti accaduti in occasione della Fiera di San Martino.  “La mia presenza a Santarcangelo vuole innanzitutto essere un segnale di attenzione e di vicinanza agli agenti della Polizia Municipale coinvolti nei fatti accaduti nei giorni scorsi e a tutta l’Amministrazione comunaleha affermato il prefetto di Rimini. - Il fenomeno dei venditori abusivi presenti alla Fiera di San Martino si è manifestato in maniera diversa e quantitativamente molto superiore rispetto agli anni precedenti. In questo senso è possibile sostenere che siamo di fronte a un salto di qualità del fenomeno, che sta assumendo contorni similari a quelli che hanno interessato il Comune di Rimini. Prima delle festività natalizie, intendiamo dunque convocare il Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico a Santarcangelo e in altri Comuni importanti, per affrontare in tempo il problema, progettando e organizzando un lavoro di squadra che deve innanzitutto partire dai sistemi di controllo e contrasto a monte, prima che il fenomeno si manifesti. In circostanze come queste, analogamente a quanto concordato per il fenomeno presente in spiaggia, prima di tutto vanno garantite la sicurezza e l’incolumità del pubblico che visita la fiera”.

Il sindaco di Santarcangelo Alice Parma, che ieri sera si è recata presso l’ospedale di Santarcangelo per accertarsi delle condizioni degli agenti rimasti feriti, nel ringraziare il prefetto di Rimini Palomba per il segnale di attenzione nei confronti della città, ha messo in evidenza che la Fiera di San Martino per la sua dimensione e per il forte richiamo di pubblico sta evidentemente destando l’interesse di organizzazioni strutturate attive nella vendita illegale di merce. “Cogliamo con grande interesse - ha aggiunto il sindaco - la proposta di organizzare, attraverso la convocazione del Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico a Santarcangelo, un coordinamento per affrontare e anticipare il fenomeno dei venditori abusivi prima che questo si manifesti e metta a repentaglio l’ordine pubblico”. “Il fenomeno dell’abusivismo, in ogni caso, non è stato affatto trascuratosottolinea l’assessore alle Politiche per la sicurezza Danilo Rinaldi.Abbiamo cercato di contrastarlo anche richiedendo rinforzi, ma sempre con l’obiettivo primario di tutelare cittadini e visitatori. Lo dimostra il fatto che, in una fiera capace di richiamare in quattro giorni circa 100.000 persone, non sono accaduti episodi di particolare gravità in tema di sicurezza – i borseggi registrati non sono più di 4 o 5 in tutto – se si esclude, appunto, il problema dell’abusivismo. Va ricordato infine – conclude l’assessore Rinaldi – che ogni acquisto dai venditori abusivi alimenta la produzione e la vendita illegale di merce contraffatta, oltre a incentivare lo sfruttamento delle persone su cui si basano queste organizzazioni”.

Intanto sono buone le condizioni dei sette vigili che nel pomeriggio di ieri hanno fatto ricorso alle cure mediche, salvo ulteriori accertamenti che dovranno essere effettuati nei prossimi giorni da due agenti. Infine, sono 26 i sequestri di merce venduta abusivamente effettuati dalla Polizia Municipale, per un totale di oltre 300 pezzi fra borsette, portafogli, ombrelli, giacche a vento, cinture, stampe e articoli di artigianato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri alla Fiera di San Martino, condannati gli aggressori dei vigili

RiminiToday è in caricamento