Scontri nel cantiere riccionese del Trc, indagato il sindaco della Perla Verde

Renata Tosi convocata dai carabinieri di Riccione per essere identificata in seguito alle proteste sul taglio dei pini in via Portovenere

I carabinieri di Riccione hanno convocato il sindaco di Riccione, Renata Tosi per procedere alla formale identificazione; il Sindaco è indagata per i fatti concernenti le proteste nel cantiere del Trc contro il taglio dei pini in via Portovenere. I reati a lei contestati sono art.110  340 cp concorso in interruzione di pubblico servizio, art.635 cp danneggiamento e art. 323 abuso d'ufficio. "Una svolta della vicenda Trc che lascia assai perplessi nonostante qualcuno abbia pensato che fosse inevitabile vista la tensione che si era creata intorno alle accese proteste riccionesi il giorno che nel cantiere del Trc erano entrare in opera le ruspe con il taglio dei pini secolari" si legge nel comunicato stampa diffuso dal portavoce del sindaco.

"Nel pieno rispetto delle prerogative della magistraturadichiara Renata Tosi - ritengo che la china che ha preso oggi la vicenda Trc integri un ulteriore segnale di forte contrapposizione della vecchia politica alla nostra legittima azione di autodifesa degli interessi della nostra città. Al di là del fatto che il mio intervento era stato dettato dalla preoccupazione di non esporre i miei concittadini al rischio di eventuali pericoli per la salute e l'incolumità, resta da segnalare che su quel cantiere sono ancora in essere una serie di verifiche amministrative per chiarire lo stato di concessione. Oltre a questo c'è ancora da sottolineare che non posso non rilevare il mio forte rammarico per le continue azioni di delegittimazione della vecchia politica con le quali si prova a condizionare la nostra azione e le nostre istanze per fermare un'opera così devastante per la nostra città. A questa ultima considerazione - conclude Renata Tosi - rispondiamo con la convinzione che la nostra battaglia per rendere diverso e sostenibile il Trc, salvaguardando gli interessi della nostra città, non si fermerà certo così. In ogni caso la nostra azione nei confronti dell'opera procede sia sul piano politico che giudiziario. Ci sono diversi aspetti di dubbia legittimità anche sulle stesse concessioni delle aree di cantiere, per non parlare della copertura finanziaria dell'opera e della validità dell'accordo di programma, su cui presto daremo pubblicità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento