Cronaca

Scoprire Rimini sui barchini o in bici, fra incursioni teatrali, camminate notturne o in dialetto romagnolo

Tante escursioni suggestive per scoprire la città da punti di vista inconsueti

Passeggiare alla scoperta del centro storico in mezzo a incursioni teatrali che sorprendono i partecipanti durante il percorso. Oppure a bordo di un barchino che passa sotto le arcate del bimillenario Ponte di Tiberio o ancora, ascoltando il racconto della guida direttamente in dialetto romagnolo. Scegliere di farlo di sera, con il fascino e l’aria fresca di una passeggiata notturna. Ma anche in sella ad una bicicletta fra le vigne, alla scoperta della Valmarecchia sorseggiando un calice di buon vino. E ancora indossando una muta da sub alla scoperta di un relitto della seconda guerra mondiale. Rimini ed il suo entroterra offrono infinite possibilità di “scoperta”: millenni di storia e panorami mozzafiato soddisfano il piacere del viaggio in qualsiasi modo lo si voglia fare.

> A Piedi, fra incursioni teatrali, camminate notturne o in dialetto
Per chi vuole scoprire il centro di Rimini, InsoliTouRimini propone una visita guidata alternativa alla scoperta della città accompagnando i partecipanti su percorsi insoliti, che attraversano luoghi e i quartieri meno conosciuti del centro, raccontando storie, curiosità e aneddoti originali e divertenti. Particolarità di queste speciali visite guidate sono le "incursioni teatrali" che sorprendono i partecipanti durante il percorso, coinvolgendo il pubblico in un’esperienza emozionante (Info e prenotazioni: 0541 53399 tourinsolitorimini@gmail.com). Sempre per chi vuole scoprire il cuore di Rimini spostandosi a piedi, Notturno d'Arte è una valida opzione che unisce un percorso storico/artistico in città in compagnia di una guida esperta, con il fascino (e la frescura) di una passeggiata notturna (Info e prenotazione: 333 7352877 michela.cesarini@discoverrimini.it).

Per i viaggiatori più “estremi”, quelli che vogliono far proprie anche lingue e tradizioni dei luoghi che visitano, è possibile scoprire Rimini, i suoi monumenti, i luoghi più significativi, le sue storie, leggende e poesie, direttamente in dialetto romagnolo. “Storia ad Rènim, la città dei pataca” è una visita con una guida specializzata, che porta alla scoperta non solo dei monumenti, ma dello spirito della città e lo fa, per forza di cose, con una forte S romagnola (info e prenotazioni cell. 333-4844496 email: cristiansavioli@protonmail.com). Uno dei luoghi dei sogni di Rimini è il Grand Hotel. Le sue forme liberty e la sua storia, che si è intrecciata con quella di personaggi illustri nazionali ed internazionali, lo rendono “L'albergo dei Sogni”. Questo il nome del percorso museale che, in nove postazioni, dal giardino alla facciata, dalla hall alla sala Tonino Guerra, fra foto storiche, testi e video, permette a tutti di ammirare uno dei monumenti nazionali che ha ospitato la storia di Rimini e non solo. Le visite, gratuite ma su prenotazione (info: info@grandhotelrimini.com, tel. 0541 56000), si svolgono in autonomia su indicazione del percorso da seguire.

> Pinne ed occhiali per scoprire la città ‘a fondo’
Per chi vuole scoprire Rimini “a fondo”, una visita guidata dei fondali di Rimini è un valido diversivo ai normali percorsi. Ci sono società, come la Dive Planet, che accompagnano gli appassionati di immersione fra i resti di relitti incagliati a largo della città, fra bombardieri della seconda guerra mondiale, aree a tutela biologica come la “piattaforma paguro” o i resti di “Nazioni scomparse” come l'Isola delle Rose, la piattaforma artificiale a largo di Rimini che divenne uno stato indipendente. Le immersioni, in compagnia di personale qualificato, sono pensate per neofiti ma anche sub più esperti e si svolgono seguendo protocolli di sicurezza che rispettano anche le prescrizioni anti-covid info su: www.diveplanet.org).

Sempre per restare in ambito, questa volta però a pelo d'acqua e senza bagnarsi, Rimini offre “Prospettive Diverse”. Il progetto della ONLUS Marinando permette di fare la più insolita delle visite al Ponte di Tiberio, navigando, a bordo di barchini, nella nuova piazza sull'acqua e passando sotto i bimillenari archi del Ponte. Le visite, che si svolgono 4 sere a settimana (martedì, mercoledì, venerdì e sabato) con imbarcazioni che possono trasportare anche disabili, sono su prenotazione e ad offerta libera e finanziano progetti e programmi per persone con disabilità attraverso la vita in mare (info e contatti: https://www.marinando.org/).

> In Bici
Rimini, con i suoi 130 km di piste ciclabili ed il suo entroterra fatto di gentili saliscendi affacciati sul mare, è il territorio ideale da essere vissuto sulle due ruote. Molti i percorsi, con guide esperte ed in sella a comode bici a pedalata assistita, pensati per unire la scoperta del territorio ad altri, variegatissimi, interessi. Che sia il buon vino, con la “Pedalata in vigna con degustazione “, la buona tavola, con il Girogustando Bike Tour, o entrambi uniti dal fascino di un pic nic con il “Bike Nic panoramico “: le visite guidate su due ruote che uniscono la scoperta dell'entroterra ai piaceri del cibo, sono tantissime. Non mancano, ovviamente, percorsi pensati per scoprire le tante rocche medievali dell'entroterra o per compiere suggestive pedalate al chiaro di luna (Info:www.visitrimini.com/rimini-bike-district/). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoprire Rimini sui barchini o in bici, fra incursioni teatrali, camminate notturne o in dialetto romagnolo

RiminiToday è in caricamento