Scovata la fabbrica clandestina delle Hogan taroccate

Le calzature abilmente falsificate venivano vendute a pressi stracciati in un negozio di Bellaria

Colpo grosso della Guardia di Finanza di Rimini che, con l'operazione "Comfort shoes", hanno individuato una fabbrica clandestina dove si realizzavano delle scarpe marca Hogan taroccate e poi vendute a prezzi stracciati in un negozio di Bellaria. E' stato proprio da quest'ultimo che i militari sono partiti a indagare dal momento che, le calzature, venivano messe in vendita con tanto di cartelli ben in vista sulla vetrina dove si reclamizzava un'offerta praticamente imperdibile. A fronte di un prezzo originale di 180 euro, le "Hogan" erano disponibili per appena 49 euro. L'accertamento dei finanzieri ha permesso di scoprire che tutti i pezzi erano dei tarocchi realizzati, però, in maniera perfetta. Dopo aver denunciato il negoziante per vendita di prodotti contraffatti, gli inquirenti delle Fiamme Gialle sono risaliti lungo la filiera di vendita scoprendo il luogo di approvvigionamento delle scarpe.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assistiti dai colleghi di Fermo, i militari sono arrivati fino a un’abitazione alla periferia di Montegiorgio dove hanno individuato, sul retro, un laboratorio attrezzato dove venivano prodotte le scarpe vendute nel negozio di Bellaria. Complessivamente, sono state sequestrate 500 paia di scarpe “Hogan” contraffatte, nonché accessori e componenti di pelle riproducenti la “H” e le “fustelle” in metallo per il taglio del pellame,occorrenti per riprodurre la “H” del marchio illecitamente riprodotto. Singolari le modalità di impressione sulle scarpe del marchio contraffatto, riprodotto dal titolare del laboratorio in maniera artigianale, servendosi di un martello che batteva abilmente sugli stampi in metallo. Il responsabile del laboratorio, un cittadino originario di Fermo, è stato anche egli denunciato all’autorità giudiziaria per l’illecita condotta rilevata dalla pattuglia operante composta da finanzieri di Rimini e Fermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Ristorante riminese nel top restaurant di TripAdvisor

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento