Uno striscione per Rossella Urru libera

Il Pd invita tutti i comuni del territorio riminese ad esporre sulle facciate dei municipi entro l'8 marzo, giorno della Festa della donna, uno striscione che chieda la liberazione di Rossella

Uno striscione in tutti i comuni per chiedere di liberare Rossella Urru. Il Partito democratico di Rimini e la Conferenza Permanente delle donne Pd aderiscono alla campagna a sostegno della volontaria di 29 anni rapita il 22 ottobre 2011 nei campi profughi saharawi di Rabuni, nei pressi di Tindouf in Algeria, dove da diverso tempo lavorava con il Comitato italiano sviluppo dei popoli per aiutare donne e bambini.

Il Pd invita tutti i comuni del territorio riminese ad esporre sulle facciate dei municipi entro l'8 marzo, giorno della Festa della donna, uno striscione che chieda la liberazione di Rossella. Sono già diverse le città in cui è stata esposta la gigantografia della volontaria, da Bologna a Milano, da Torino a Cagliari. Il 15 febbraio l'assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna ha inoltre approvato all'unanimità la risoluzione per il rilascio immediato della cooperante, laureata in Cooperazione internazionale a Ravenna con una tesi proprio sul popolo Saharawi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento