Servizi educativi: le novità sulla convenzione con le scuole paritarie

Erogazione di contributi per sostenere la formazione degli insegnanti di scuola dell’ infanzia, consolidare il sistema coordinato di iscrizioni, garantire la libertà di scelta, e preveda incentivi per l’accoglienza di bambini disabili

Nell’ultima seduta di giunta comunale è stata approvata la convenzione  con  le scuole per l’infanzia paritarie che prevede l’erogazione di contributi per sostenere la formazione degli insegnanti di scuola dell’ infanzia, consolidare il sistema coordinato di iscrizioni, garantire la libertà di scelta, e preveda incentivi per l’accoglienza di bambini disabili anche nelle scuole paritarie, con le modalità di intervento corrispondenti a quelle previste per le scuole statali. Il tutto coordinato attraverso un nuovo accordo che mette nero su bianco i reciproci impegni di Comune di Rimini e delle singole Scuole coinvolte. Tra le condizioni inserite nella convenzione per ottenere i contributi è stata inserita anche quella per  razionalizzare il sistema di iscrizioni alle scuole per l’infanzia evitando le doppie e triple assegnazioni di posti,ottimizzando in questo modo il sistema pubblico privato. L’investimento è di 400 mila euro.

A questi vanno aggiunti i 365 mila euro già  stanziati per il sostegno all’handicap nelle scuole paritarie di ogni ordine e grado, dalle materne alle superiori, dando una risposta a tutte le domande presentate ai tavoli tecnici. A quelli appena approvati dalla Giunta, vanno aggiunte altre risorse investiti, a vario titolo, dall’Amministrazione comunale. Aderendo al progetto “Al nido con la regione” è stato possibile ridurre le rette a 113 famiglie di 17 scuole convenzionate. L’estate 2019 ha visto anche lo stanziamento di 40 mila euro a sostengo della frequenza dei centri estivi per i bimbi più piccoli (0/3 anni); 100 le famiglie sostenute con contributi mensili di 350 euro nel periodo estivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Risposte alle esigenze delle nuove famiglie – spiega l’assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini, Mattia Morolli – attraverso un diritto allo studio trasversale. Le paritarie costituiscono una parte importante del nostro sistema educativo, che vede nella collaborazione pubblico - privato un valore aggiunto in grado di ampliare portata, scelta, qualità e copertura per le esigenze delle famiglie riminesi. Un sostegno che va oltre, coprendo tutte le richieste arrivate ai tavoli tecnici per il sostegno educativo handicap . Non solo, con queste risorse andiamo a coprire un’esigenza sempre più sentita in una città come la nostra, ovvero i centri estivi per quelle famiglie che, proprio in estate, vedono il picco del loro impegno lavorativo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento