rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca

Servizio salvataggio, i sindacati: "Per il ripensamento strutturale serve un nuovo contratto integrativo"

I sindacati: "La situazione che si profila per la stagione 2024 sulle spiagge della provincia di Rimini segna l’esigenza di un adeguamento dei servizi di salvataggio"

La situazione che si profila per la stagione 2024 sulle spiagge della provincia di Rimini segna l’esigenza di un adeguamento dei servizi di salvataggio. In questo senso, nelle riunioni comunali di ordinanza balneare, Filcams Cgil Rimini e Fisascat Cisl Romagna hanno sempre colto con favore i qualificati contributi della Capitaneria di Porto. Grazie anche alle rivendicazioni sindacali di Filcams Cgil e Fisascat Cisl, dal 2022 su quasi tutta la costa riminese il servizio di salvataggio è prolungato alla terza settimana di settembre; si tratta ora di consolidare ed ampliare la qualità dell’offerta turistica balneare, qualificando ulteriormente i servizi di salvataggio.

Contrattazione integrativa

"Rispetto alle innovazioni che si prospettano per il 2024, va detto che da oltre 10 anni con i bagnini e con le loro organizzazioni di rappresentanza non si riesce nemmeno a riavviare una seria trattativa per il rinnovo del contratto integrativo di settore - spiegano i sindacati -. E’ un problema non da poco: il confronto tra parti sociali è fondamentale quando si parla di innovazioni in  tema di orari di lavoro, pausa pranzo, nastri orari, tempi e metodi di lavoro. Le sintesi che possono essere raggiunte in un contratto integrativo sono indispensabili e senza queste sarà arduo trovare risposte nella contrattazione collettiva nazionale – scaduta anch’essa da anni – che per sua natura non va a normare gli aspetti specifici di un territorio".

Salvo i contesti aziendali dove il servizio di salvataggio è fornito in forma collettiva dal sistema delle cooperative, dove in gran parte c’è il rispetto dei Ccnl, vi sono ancora "sacche di illegalità alle quali va esplicitato che fuori dalle regole in questa provincia non si opera sui servizi di spiaggia. E’ anche per questo che la contrattazione integrativa si potrebbe porre come argine all’illegalità e come strumento per aumentare su tutta la costa la qualità dell’occupazione.
In un contesto nel quale si dovrà necessariamente ragionare di assegnazione di servizi tramite bandi, assume particolare rilevanza strategica il dialogo sociale ed il confronto sul tema della qualità del lavoro", conclude la nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio salvataggio, i sindacati: "Per il ripensamento strutturale serve un nuovo contratto integrativo"

RiminiToday è in caricamento