Sesso e cocaina, il Lady Godiva rischia la revoca della licenza

Maxi blitz della squadra Mobile di Rimini che ha scoperto un vasto giro di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e spaccio di stupefacenti

E' un vasto giro di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e spaccio di stupefacenti quello scoperto dalla squadra Mobile di Rimini che, nell'ambito dell'operazione Privè, ha portato all'emissione di 19 ordinanza di custodia cautelare nei confronti di altrettanti indagati. Il blitz è scattato nella notte tra martedì e mercoledì con gli agenti della Questura che hanno letteralmente circondato il night Lady Godiva dove, secondo l'accusa, le "figuranti di sala" si concedevano ai clienti del locale e una banda di pusher riforniva anche di "neve" i frequentatori del locale. L'indagine era partita nell'autunno del 2016 quando, gli inquirenti della polizia di Stato, avevano messo nel loro mirino una rete di spacciatori attiva nel centro storico di Rimini. Nell'approfondimento sullo spaccio era emerso come, i pusher, frequentassero abitualmente anche il night club dove vendevano cocaina ai clienti del Lady Godiva.

GUARDA IL VIDEO DEL BLITZ

Il celebre night sotto al Grand Hotel era stato così messo sotto controllo facendo emergere anche un giro di prostituzione messo in piedi dal titolare, dal gestore e dall'addetto alla sicurezza. Tutti già noti alle forze dell'ordine per essere implicati in precedenti indagini sempre per lo stesso tipo di reato. Nel corso di questa indagine, è stato possibile risalire anche all'identificazione degli autori della rapina dell´orologio Bulgari subita da un noto avvocato riminese. Delle 19 ordinanza di custodia cautelare emesse dal gip, 16 sono state eseguite nella notte tra martedì e mercoledi. In particolare, 5 nei confronti della proprietà e della dirigenza del Lady Godiva per quanto riguarda il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione, 2 per la rapina ai danni del legale e 9 per reati legati allo spaccio di stupefacente. Tre indagati rimangono tuttora latitanti e sono ricercati dalla polizia di Stato.

Per quanto riguarda il capitolo della prostituzione, gli inquirenti della Mobile hanno accertato come le "artiste" del Lady Godiva intrattenevano i clienti nei privè e, con una tariffa di 50 euro ogni 10 minuti, si concedevano a rapporti sessuali. Secondo quanto emerso, i clienti avevano anche la possibilità di far uscire le ragazze dal night ma, in questo caso, la tariffa lievitava fino a 4/500 euro l'ora. Un volume d'affari discreto che, puntualmente, registrava forti picchi in occasione degli eventi fieristici riminesi. Sul fronte dello spaccio, anche i pusher facevano affari d'oro tanto che, nel corso delle indagini, è stato possibile sequestrare circa 1 chilo di stupefacenti in larga parte cocaina. L'esito delle indagini è stato notificato anche agli uffici amministrativi e, al momento, si sta valutando la chiusura del night sulla base dell'articolo 100 del Tulps e non è da escludere che la licenza possa essere revocata.

IL PLAUSO DEL MINISTRO SALVINI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento