Sfida i poliziotti come un boxer: viene neutralizzato con lo spray da difesa

Un romeno di 32 anni è stato arrestato nella tarda mattinata di martedì con l'accusa di danneggiamento aggravato, resistenza aggravata e lesioni a pubblico ufficiale

Prima ha danneggiato un furgone in sosta. Poi, in posa da boxer, ha affrontato i poliziotti intervenuti, colpendoli con calci e pugni. Un romeno di 32 anni è stato arrestato nella tarda mattinata di martedì con l'accusa di danneggiamento aggravato, resistenza aggravata e lesioni a pubblico ufficiale. L'episodio si è verificato intorno alle 12.30 nei pressi di un magazzino del centro commerciale "Gross" in via Coriano. I poliziotti della Volante sono intervenuti dopo che era stata segnalata una persona che stava danneggiando seriamente tutta la carrozzeria di un furgone. 

Il vandalo, alla vista della volante, prima ha gettato all’interno di un furgone una sacca, per poi entrare nell'abitacolo e sedersi sedile del guidatore, alzando i finestrini e bloccando le sicure. Dopo vari tentativi di persuadere il giovane ad uscire dall’abitacolo, i poliziotti, approfittando dell'abbassamento di un finestrino da parte del soggetto, sono entrati in azione. A questo punto l'individuo ha reagito violentemente aprendo con un calcio la portiera e fuggendo a piedi.

Per restare aggiornati in tempo reale scaricate la nostra APP, sia su Google Play che su Apple Store

Gli agenti si sono subito messi al suo inseguimento all’interno del centro commerciale, il capo pattuglia a piedi e l’autista con l’autovettura di servizio, riuscendo a bloccarlo solo dopo circa 15 minuti e con l’ausilio anche di un secondo equipaggio di volante. Durante tale inseguimento il giovane più volte, sentendosi braccato, ha minacciato di autolesionarsi, prima poggiandosi al petto un travetto di legno con una estremità appuntita, poi colpendosi al volto con una corda. 

Al momento di essere fermato, il 32enne si è messo in guardia tipo pugile minacciando i poliziotti e tentando di colpirli con calci e pugni. Si è reso necessario l’utilizzo dello spray urticante in dotazione agli agenti per bloccarlo. Portato in Questura, gli sono state notificate le accuse di danneggiamento aggravato, resistenza aggravata e lesioni a pubblico ufficiale. Durante l’attività due poliziotti sono stati colpiti dal giovane con calci e pugni, dovendo ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso: hanno riportato lesioni ad un braccio, alla spalla e al torace, giudicate guaribili in 10 giorni. Processato per direttissima, è stato condannato alla pena di anni uno di reclusione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento