Shopping nel centro commerciale, scappano senza pagare

Individuati dagli addetti del negozio che hanno chiesto l'intervento dei carabinieri, due persone finiscono in manette

Nel tardo pomeriggio di domenica i carabinieri di Rimini sono intervenuti al centro commerciale "Le Befane" dove gli addetti di un negozio avevano pizzicato due giovani stranieri intenti a rubare tra gli scaffali. In particolare i malviventi, poi identificati per un cubano 23enne e un ucraino 24enne, erano stati notati aggiratsi nel reparti di abbigliamento dove avevano preso due paia di scarpe, un giubbotto, una felpa ed alcune paia di calzini per poi rompere le placche antitaccheggio e infilare la merce in uno zaino e cercare di allontanarsi senza pagare. Giunti alle casse, uno è uscito tranquillamente mentre, l'altro, ha mostrato al cassiere solo una bibita. Bloccati, l'intervento dei militari dell'Arma ha permesso di accertare che stavano scappando con della refurtiva per circa 350 euro che gli è valsa le manette. Dopo una notte passata in camera di sicurezza, gli stranieri sono stati porcessati per direttissima e il giudice, convalidato il fermo, li ha sottoposti alla misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Rimini in attesa della prossima udienza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento