Cronaca

“Un sì per la vita” spegne sette candeline, cena benefica: un defibrillatore per le scuole

Si potrà sostenere il progetto “Con il cuore per il cuore” per l’acquisto di un defibrillatore da donare alla scuola primaria Alba Adriatica di Rimini

“Un sì per la vita” spegne sette candeline. In questi anni, lo scopo benefico è stato il motore dell’evento, ma il vero carburante sono stati i tanti giovani artisti del territorio che, con la loro spinta creativa, sono riusciti sempre a nutrire l’iniziativa con nuova linfa. Ecco che allora i volontari di “Con le ali di Chiara”, associazione promotrice, hanno mantenuto anche in questa edizione, in programma il 23 giugno, la combinazione vincente, ma con una nuova veste: un momento di condivisione e convivialità sostituirà le atmosfere del teatro, per ritrovarsi insieme attorno a una tavola imbandita e in una location che da sola merita la partecipazione.

Domenica 23 giugno, dalle  ore 20, nella suggestiva cornice dell’osteria La Chiacchiera (via Covignano 271/M, Rimini), si potrà sostenere il progetto “Con il cuore per il cuore” per l’acquisto di un defibrillatore da donare alla scuola primaria Alba Adriatica di Rimini dell’Istituto Comprensivo XX Settembre. Dall'alto del meraviglioso panorama il pubblico potrà trascorrere una serata di piaceri gastronomici, ludici e musicali, con un contributo che avrà un riscontro immediato nell'acquisto e donazione del defibrillatore. Durante la cena la splendida voce di Matilda Bonucci allieterà la serata. Ma…non è finita qui. In programma uno spettacolo a sorpresa che incuriosirà e coinvolgerà il pubblico.

Quest’anno il contributo dell’evento “ Un sì per la vita 2024” è veramente unico perché sono stati i ragazzi delle medie frequentanti durante l’anno scolastico il doposcuola inclusivo dell’associazione a ideare la nuova immagine da abbinare all’appuntamento.

A loro è stato chiesto di rappresentare con un disegno il messaggio che “Un sì per la Vita” vuole lanciare, rispondendo alla consegna: “immagina di dover curare un cuore ferito o triste attraverso un gesto gentile o una parola dolce”. E proprio il cuore toccante di Amira, ferito sì, ma ricco di fiori, è stato ripreso nella locandina dell’evento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Un sì per la vita” spegne sette candeline, cena benefica: un defibrillatore per le scuole
RiminiToday è in caricamento