Si presentano per una perquisizione, il fratello dell'indiziato aggredisce i carabinieri

Un militare dell'Arma costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso da dove è poi stato dimesso con una prognosi di 10 giorni

Momenti di tensione in un appartamento di Cattolica dove, nella mattinata di martedì, i carabinieri si sono presentati per eseguire una perquisizione domiciliare disposta dalla Procura nei confronti di un 28enne originario di Melzo in provincia di Milano e residente nella Regina già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio. Ad aprire la porta, però, è stato il fratello 22enne anche lui vecchia conoscenza della Legge che alla vista delle divise ha iniziato a dare in escandescenza. In un primo momento ha sbattuto la porta in faccia a un carabinieri, ferendolo leggermente, per poi fare di tutto per bloccare l'accesso all'abitazione. Non senza fatica, i militari dell'Arma sono riusciti ad aprire ma appena sono entrati nell'appartamento il 22enne si è scatenato nuovamente strappando di mano alle divise il decreto di perquisizione e iniziando a tirare sedie contro al muro. I carabinieri sono stati quindi costretti a bloccarlo e ad ammanettarlo per poi portarlo in caserma dove è stato arrestato per resistenza. Processato per direttissima mercoledì mattina, il giudice ha convalidato il fermo e disposto per il ragazzo l'obbligo di firma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella mattinata, ragazzino perde la vita

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Si lascia cadere nel vuoto, gesto estremo di un ragazzo

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Bellaria piange la scomparsa del 13enne, proclamato il lutto cittadino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento