Si spaccia per un altro all'esame per la patente, lo supera ma viene scoperto

La Polizia giudiziaria della Sezione Speciale del Caps di Cesena ha intrapreso un'indagine a seguito di una denuncia presentata da una dipendente dell’Ufficio Provinciale della Motorizzazione civile di Cesena

A marzo la Polizia giudiziaria della Sezione Speciale del Caps di Cesena ha intrapreso un'indagine a seguito di una denuncia presentata da una dipendente dell’Ufficio Provinciale della Motorizzazione civile di Cesena.

La dinamica

Mentre la donna era impegnata come esaminatrice a una sessione d’esame di teoria per il conseguimento della patente di guida, si è presentato un candidato dichiarando di essere un 39enne residente a Rimini ed esibendo una carta d’identità munita di fotografia che lo ritraeva. La dipendente si è subito insospettita che la persona che si trovava di fronte non fosse quella da lui dichiarata: la donna, infatti, aveva trattato la pratica allo sportello e aveva notato che la persona che voleva sostenere l’esame non era la stessa che aveva attivato la pratica. Dopo aver fatto notare la cosa al candidato, l'uomo ha inizialmente cercato di giustificare la situazione, per poi improvvisamente strappare la cartellina di mano all'esaminatrice e scappare a gambe levate. A seguito della denuncia la Polizia giudiziaria della Sezione Speciale del Caps di Cesena ha invitato l'ufficio locale della motorizzazione a inoltrare un alert a tutte le motorizzazioni nazionali invitandole, nel caso si fosse ripresentato il candidato in questione, a informare un ufficio di Polizia al fine di verificare la regolarità dell’esame.

Le indagini

Nei giorni scorsi l’ufficio provinciale della motorizzazione di Forlì ha informato la Polizia giudiziaria della sezione Polizia stradale di Forlì dopo aver registrato una nuova richiesta formulata dal candidato oggetto della segnalazione. Mercoledì mattina gli operatori delle due squadre di giudiziaria di Cesena si sono appostate alla motorizzazione di Forlì, dove il candidato in questione doveva sostenere la prova di teoria. Gli investigatori hanno atteso la conclusione dell'esame, dopodichè hanno identificato il candidato, verificando che la carta d’identità esibita dallo stesso era stata falsificata e appurandone l’avvenuta sostituzione della fotografia del titolare, fototessera che era stata illecitamente apposta anche sull’istanza presentata alla motorizzazione, nonché sul certificato medico allegato. Dopo ulteriori accertamenti l'uomo è stato identificato come un 32enne residente a Foggia: si era presentato a sostenere l’esame, superandolo, al posto del vero 39enne riminese in quanto, secondo gli investigatori, quest’ultimo non aveva le capacità per superare la prova. Il 32enne è stato tratto in arresto in quanto trovato in possesso di documento valido per l’espatrio alterato; inoltre è stato denunciato, in concorso con il giovane riminese, per i reati di sostituzione di persona, false dichiarazioni sulla propria identità rese a pubblico ufficiale e induzione in errore del funzionario della motorizzazione civile. L'arresto è stato convalidato sabato mattina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento