Si torna a scuola con la novità dei nuovi due Istituti Comprensivi

Lunedì riprendono le lezioni scolastiche. “Che sia un anno di buona scuola", è l’augurio dell’Assessore alla pubblica istruzione Federica Torcolacci ai ragazzi e alle famiglie

Lunedì riprendono le lezioni scolastiche. “Che sia un anno di buona scuola - è l’augurio dell’Assessore alla pubblica istruzione Federica Torcolacci ai ragazzi e alle famiglie -. La novità di quest’anno è la costituzione dei nuovi due Istituti Comprensivi che riuniscono in un’unica struttura funzionale le scuole dell’infanzia, elementari e medie della città".

"Siamo anche quest’anno arrivati all’inizio dell’anno scolastico, un anno importante per tanti bambini e ragazzi, per le loro famiglie, gli insegnanti, il personale ausiliario e tutti coloro che a vario titolo sono coinvolti nella scuola -sottolinea Torcolacci -. Una novità su tutte quest’anno è rappresentata dalla costituzione dei nuovi due Istituti comprensivi che aggregano in un’unica struttura funzionale le scuole dell’infanzia, elementari e medie presenti nel territorio riccionese".

"La storia dell’istituto comprensivo in Italia comincia nel lontano 1994 per effetto di disposizioni di legge che volevano garantire, anche in una logica di risparmio, la presenza delle scuole nelle aree più disagiate del paese (in particolare per le zone montane) e il progetto venne accolto con favore perché si cominciava finalmente a legare di più la scuola al suo territorio", spiega l'assessore.

"Oggi il progetto acquista più che mai tutta la sua valenza educativa perché si è capito, anche attraverso esperienze di eccellenza nelle realtà che già da tempo hanno adottato questa forma organizzativa, che accorpare sotto un’unica regia le tre anime della scuola di base avrebbe portato una ricchezza di esperienza condivisa difficilmente immaginabile", evidenzia Torcolacci.

"Parlare di Istituto comprensivo significa interrogarsi e darsi delle risposte sul modello di scuola che una comunità intende darsi: significa anche, come mi ricordava un’insegnante, lavorare insieme per raggiungere un sogno: quello di accompagnare un bambino nel suo percorso di vita più importante (dai 3 ai 14 anni) offrendogli un progetto educativo integrato che gli consenta di diventare un uomo e cittadino del mondo", chiosa ancora l'assessore.

"E’ l’Unione europea a richiamare anche nell’ultimo documento ET 2020 l’importanza di una formazione di base più strutturata per lo sviluppo di una cittadinanza europea - continua -. La nostra volontà è far sì che questo progetto decolli e venga coltivato con tutta la passione possibile. Le difficoltà saranno inevitabili, direi fisiologiche, perché il nuovo impianto organizzativo e didattico richiede una grande mole di lavoro: ma abbiamo dalla nostra una storia progettuale e una esperienza educativa che altrove ci invidiano".

Torcolacci ricorda che "l'Amministrazione comunale accompagnerà la fase di costituzione dei comprensivi attraverso figure professionali che aiuteranno i dirigenti e gli insegnanti a costruirsi le competenze necessarie per individuare sia le forme che i processi educativi che rendano l’esperienza scolastica più coerente e meglio organizzata dalle istituzioni"

"Ricordo anche - aggiunge - che sono stati effettuati interventi importanti in alcune strutture scolastiche del nostro territorio: invito i cittadini ad avere pazienza se le strutture non saranno pienamente efficienti nei primi giorni di scuola, ma credo che i disagi possano essere superati facilmente dalla consapevolezza che i nostri edifici scolastici siano stati ristrutturati e che rispondano pienamente alle norme antisismiche e di sicurezza perché credo che sia importante e necessario sapere che i nostri ragazzi possano vivere la scuola in sicurezza. Un augurio da parte mia e da tutta l’Amministrazione: che il nuovo anno scolastico sia un anno proficuo e all’insegna della buona scuola".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento