Si ubriaca e picchia la moglie. Lei scappa in strada e accusa un malore

La violenza di un litigio è direttamente proporzionale al consumo di alcol. E' quanto si evince dalla serie d'interventi fatti tra mercoledì e giovedì dai Carabinieri

La violenza di un litigio è direttamente proporzionale al consumo di alcol. E' quanto si evince dalla serie d'interventi fatti tra mercoledì e giovedì dai Carabinieri. I militari di Bellaria sono intervenuti per spegnere una violenta lite tra coniugi nel corso della quale il marito, 49 anni, ha aggredito la consorte, 40 anni. Quest'ultima, spaventata, è scappata in strada in attesa dell’arrivo degli uomini dell'Arma. Nelle corsa la donna accusava lieve malore.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, che hanno trasportato la signora al pronto soccorso. Dopo le cure del caso è stata dimessa. I militari hanno identificato il marito, informando la donna delle facoltà di legge circa un’eventuale querela. Il secondo litigio è scoppiato nel cuore della nottata tra mercoledì e giovedì in un residence di Miramare ed ha visto coinvolti tra una ragazza italiana, tra l’altro alticcia, e due ragazze russe che abitano nell’appartamento a fianco, disturbate dai rumori prodotti dalla vicina molesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento