rotate-mobile
Venerdì, 29 Settembre 2023
Cronaca

Siccità, la proposta di Pari (Lega): "Riutilizziamo le acque del depuratore per scopi irrigui e industriali"

"Va favorito il riuso delle acque reflue dal depuratore di Santa Giustina per scopi irrigui e industriali, cominciando proprio dalle esigenze di irrigazione pubblica del nostro comune"

Mentre il presidente della Regione Stefano Bonaccini sta per richiedere lo stato di emergenza nazionale al Governo a causa della grave siccità, anche nel Riminese sono giunti i primi provvedimenti per contenere lo spreco di acqua. E' il caso ad esempio di Santarcangelo che ha timbrato un'ordinanza per evitare l'utilizzo di acqua in orario diurno per orti, giardini e lavaggio auto. “Nel contesto dell’emergenza idrica nazionale, anche il comune di Rimini faccia la sua parte per evitare lo spreco di acqua dolce” così esordisce il consigliere comunale Andrea Pari della Lega che interviene sull'argomento.

“Il depuratore di Santa Giustina ogni anno immette nel fiume Marecchia circa 30 milioni di metri cubi di acqua dolce depurata, quantità che eguaglia la capacità della diga di Ridracoli, che sarebbe riutilizzabile per usi irrigui e industriali” nota Pari. “Il fiume Marecchia risente sempre maggiormente di periodi di secca che ne compromettono l’ecosistema, con il rischio che acqua salata entri nella foce, e con il rischio ancora più grande che l’acqua salata si infiltri nella Conoide, la riserva d’acqua dolce più importante della nostra provincia”.

Continua il consigliere comunale: “Abbiamo vissuto anni fortunati da questo punto di vista, grazie ai nostri fiumi, alla grande ricchezza data dalla conoide del Marecchia con il grande ausilio della diga di Ridracoli, ora ritengo sia venuto il tempo che le istituzioni locali si prendano la responsabilità di evitare lo sperpero di questa grande ricchezza naturale” incalza il consigliere del Carroccio.

“Al primo consiglio comunale utile chiederò quindi all’amministrazione comunale di farsi capofila, invitando tutti gli attori in campo alla promozione di un piano per la canalizzazione e il pompaggio delle acque in uscita dal depuratore fino alla briglia di Ponte Verucchio, permettendo in questo modo al fiume di mantenere una portata minima stabile in tutti i mesi dell’anno e la ricarica delle fosse Viserba e dei Mulini, razionalizzando nel contempo il riuso delle acque reflue dal depuratore di Santa Giustina per scopi irrigui e industriali, cominciando proprio dalle esigenze di irrigazione pubblica del nostro comune” chiede Pari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siccità, la proposta di Pari (Lega): "Riutilizziamo le acque del depuratore per scopi irrigui e industriali"

RiminiToday è in caricamento