Simone Finetti assieme al Leo Club Valle del Conca per Let’s play different

Il cuoco della quarta edizione di Masterchef Italia ha incontrato i ragazzi del Leo Club per girare uno spot a sostegno del gioco da scatola che ha come fine quello di agevolare la comprensione delle disabilità, per favorire il rispetto e l’inclusione

L’amatissimo cuoco della quarta edizione di Masterchef Italia, Simone Finetti ha incontrato a Morciano i ragazzi del Leo Club per girare uno spot a sostegno del gioco da scatola ‘Let’s Play Different’ che ha come fine quello di agevolare la comprensione delle disabilità, per favorire il rispetto e l’inclusione. Finetti, reduce dalla scuola di Guatiero Marchesi e pronto a nuove avventure televisive, ha incontrato a Morciano Chiara Broccoli, la coordinatrice nazionale dei Leo Club italiani per il progetto Kairos, che attraverso l’attività ludica pone i giocatori (dai 5 ai 99 anni d’età) nei panni di coloro che vivono una disabilità. In maniera semplice, rispettosa e intelligente, invita le persone a vivere un’esperienza nuova per poterla comprendere, per conoscere meglio se stessi e gli altri, favorendo l’integrazione e l’aiuto reciproco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La quotidianità ha tante sfaccettature, il gioco chiede ai suoi partecipanti di verificarle mettendosi alla prova attraverso numerose attività come ad esempio allacciarsi le scarpe con una mano, descrivere l’ambiente attraverso gli odori o riconoscere un oggetto ad occhi chiusi. La realtà assume forme straordinarie nei panni di chi sfrutta abilità diverse. “Il gioco Let’s Play Different si può trovare online al sito www.leo-kairos.it – spiega Chiara Broccoli - viene venduto a 15 euro, esattamente il costo di produzione, senza alcun guadagno, a maggior testimonianza del fatto che l’unico fine è la sensibilizzazione. Ne sono state vendute oltre 1.500 scatole in un anno e sono tanti i volti noti che si stanno interessando alla causa prestando il loro volto: Giusy Versace, Lorenzo Fragola e anche i calciatori Gianluca Zambrotta e Simone Barone si sono prestati ad uno scatto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento