La ricetta per Borgo Marina: "integrazione, collaborazione e rispetto"

Il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, ha incontrato il Questore di Rimini Oreste Capocasa e i rappresentanti dell'Associazione di Borgo Marina

Il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, ha incontrato il Questore di Rimini Oreste Capocasa e i rappresentanti dell’Associazione di Borgo Marina. “Già da subito all’indomani dell’insediamento di questa Giunta, e non sono passati che tre mesi, ci siamo impegnati senza il clamore delle cronache ad avviare un programma di riqualificazione di Borgo Marina perseguendo sulla via maestra della collaborazione positiva con residenti, commercianti, comitati ed anche associazioni religiose che lì operano”, ha affermato il primo cittadino.

“Potevamo dare una risposta immediata con due camion d’asfalto – ha proseguito il sindaco - ma ci siamo resi conto subito che non sarebbe stata una risposta adeguata né per i cittadini di Borgo Marina, né per la nostra visione di città. Ci siamo messi quindi al lavoro in questi mesi per giungere a un progetto di qualità che per maturare ha avuto il bisogno di un suo percorso progettuale. Un lavoro che ha richiesto impegno e tempo per giungere a un progetto di riqualificazione del borgo con interventi di qualità per il recupero dell’identità del borgo. Un progetto di respiro che fa seguito e si integra con gli interventi già eseguiti nelle ultime settimane, come la riqualificazione di sistemazione e riqualificazione dell’angolo tra via Giovanni XXIII e via dei Mille attraverso un accordo col privato, l’asfaltatura di via Roma, gli interventi sull’arredo urbano (con sostituzione e aggiunta dei cestelli portarifiuti), l’aumento dei passaggi per la pulizia delle strade specie nella notte tra venerdì e sabato concordato con Hera, eseguiti interventi di manutenzione su strade, segnaletica verticale, arredi sulle vie nonché la potatura delle alberature e delle siepi, mentre a breve sarà eliminata la batteria dei cassonetti di via Mameli e potenziata quella di via dei Mille”.

Anche il confronto con le associazioni di religione mussulmana prosegue con l’obiettivo comune di trovare un luogo dignitoso per i momenti di preghiera dei fedeli. “Siamo pienamente impegnati – ha detto l’assessore alla Sicurezza Jamil Sadegholvaad – nelle attività di controllo e nelle le azioni di presidio e di contrasto della zona in collaborazione con Questura e Carabinieri. Lunedì gli agenti della Polizia Amministrativa hanno contestato al titolare di un laboratorio artigianale di gastronomia di Borgo Marina violazioni in materia di sicurezza alimentare e del Regolamento d’igiene e sanzioni per 8.000 euro. E’ solo l’ultimo dei 27 controlli eseguiti dalla Polizia municipale in questi ultimi mesi, che fanno seguito agli oltre 40 effettuati nel periodo 2008 – 2010 che portarono a 90 contestazioni di infrazioni amministrative, 42 sequestri amministrativi e 16 penali”.

Il Questore Capocasa ha invece rimarcato quanto puntuale e quanto alta sia l’attenzione della Polizia di Stato sul versante del contrasto alla criminalità e di come la situazione, grazie anche all’impegno interforze promosso dal Prefetto che sul problema ha ritenuto opportuno un’apposita seduta del Comitato per la sicurezza, sia accuratamente monitorata.

Nel chiudere l’incontro, dove l’Associazione Borgo Marina ha presentato la festa in programma venerdì prossimo, il sindaco Gnassi ha speso parole di ringraziamento per l’impegno del Comitato di Borgo Marina: “integrazione, collaborazione, riqualificazione urbana, rispetto delle regole, impegno costruttivo da parte di tutti devono essere le parole d’ordine attraverso cui una parte importante della città può ritrovare il proprio equilibrio, senza per questo nascondere i problemi che, certo, ci sono ma che devono essere affrontati e risolti senza enfasi o facili demagogie che, al contrario, non possono che pregiudicare anche il bisogno di riservatezza di cui anche le azioni investigative hanno bisogno”. Facevano parte della delegazione dell’Associazione Borgo Marina il presidente Gianni Bastianini, Cristina Zoli e alcuni commercianti della zona, tra cui due rappresentanti della comunità del Bangladesh.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento